18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Messina

L'ex "Borgo dei borghi 2015"

Montalbano Elicona: dalla candidatura Unesco ai percorsi turistici, il successo del borgo messinese | FOTO

29 Gennaio 2019
'
'
'
'
'
'
'
Argimusco
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il 2019 per il Montalbano Elicona è iniziato proprio come si è concluso lo scorso anno. Imponente l’impegno nella promozione turistica rivolto alla crescita ed allo sviluppo del territorio curato da un’Amministrazione Comunale sempre attenta al settore che negli ultimi mesi ha accresciuto la propria reputazione assestandosi tra le mete più visitate e ricercate in Sicilia e tra più suggestive d’Italia.

Il Sindaco Filippo Taranto e l’esperto alla promozione turistica Antonino Sapienza stanno lavorando alacremente per ampliare il raggio di visibilità e le opportunità puntando non solo a ripetere gli eccellenti risultati del 2018 ma per realizzare la progettualità prevista con azioni concrete, da subito attuate.

Filippo Taranto
Filippo Taranto

Un turismo, come dev’essere nei Borghi, che in questo caso può considerarsi di qualità, quasi di nicchia, alternato ad una massa altrettanto qualificata, favorito sicuramente dalle bellezze del luogo ma incentivato negli ultimi mesi da un’organizzazione promozionale innovativa.

Volano e punto fisso di tutte le iniziative sono per l’appunto i social network. Montalbano Elicona già “Il Borgo dei Borghi” nel 2015 ha mantenuto e soprattutto accresciuto la propria “brand reputation” grazie ad un lavoro di comunicazione con l’opinione pubblica e con una politica web molto attenta. La pagina Facebook ufficiale Montalbano Elicona – Borgo dei Borghi, registra quotidianamente migliaia di visualizzazioni, like e condivisioni da tutte le parti del mondo ed è diventata un vero punto di riferimento turistico. A breve sarà on line anche l’innovativo portale per il quale si stanno predisponendo gli ultimi dettagli.

Vediamo di seguito alcune delle nuove azioni già avviate per questo 2019.

Iniziata la procedura per le interlocuzioni con importanti tour operator nazionali ed internazionali atta non solo a valorizzare il centro storico medievale ed il meraviglioso Castello svevo aragonese appena restaurato ma anche il suggestivo contorno territoriale con particolare riferimento al sito dell’Argimusco per il quale fervono i preparativi dei numerosi eventi dedicati che vedranno a partire dai primi giorni di marzo il luogo candidato a Patrimonio Unesco, teatro di esclusive visite guidate condotte da guide professioniste autorizzate dalla Regione Sicilia.

Argimusco
Argimusco

Di estremamente rilevante la predisposizione in rete dell’inedito percorso Jonio-Montalbano-Tirreno, oggi realtà, rivolto alle entità di settore che ha posto il Borgo come hub turistico tra le “big destination” come Taormina e l’Etna da un lato e le Eolie, Tindari e Milazzo dall’altro, istituito per intercettare l’importante quota di visitatori alla ricerca delle zone rurali e medievali, agevolato da collaborazioni sia istituzionali che privati con vettori che fanno quotidianamente la spola da un lato all’altro, favorendo l’interscambio di percorsi storici, naturalistici, esperienziali ed eno-gastronomici.

In tal senso l’esperto alla promozione Antonino Sapienza in questi giorni incontrerà i Sindaci e le entità di settore della Valle dell’Alcantara e della zona jonica per realizzare un forte coordinamento territoriale “monte-mare” istituzionale integrato, da sviluppare soprattutto come piattaforma organizzativa a disposizione delle iniziative private.

Contestualmente Montalbano sarà la meta finale dell’asse turistico tirrenico messinese che tocca altri importanti Borghi: Rometta, Roccavaldina, Santa Lucia del Mela, Milazzo e Castroreale a formare una pacchettizzazione da proporre agli stessi tour operator che hanno acceso i riflettori sul Borgo nebroideo.

Anche dalla parte del catanese si stanno predisponendo sinergie di rete. Il percorso Catania Centro Storico – Etna – Montalbano e l’itinerario dei borghi che fa tappa a Castiglione di Sicilia, anch’esso uno dei Borghi più belli d’Italia.

Pronto inoltre il “dossier” composto da documentazione, immagini e video, realizzato dallo stesso Sapienza da presentare alle compagnie di crociera nel quale oltre ad evidenziare le meraviglie del luogo si focalizza l’attenzione sui servizi, sull’enogastronomia, sull’accoglienza e sulla tempistica di permanenza che prevede come novità l’itinerario Centro Storico di Messina – Borgo di Montalbano svolto in un’unica giornata a mezzo taxi ed ncc convenzionati come vettori di riferimento.

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.