"Montante depresso", la difesa chiede di annullare il processo di 1° grado :ilSicilia.it
Caltanissetta

Era stato condannato a 14 anni

“Montante depresso”, la difesa chiede di annullare il processo di 1° grado

di
19 Settembre 2020

Hanno chiesto la nullità del processo di primo grado, nei motivi di appello, perché Antonello Montante, a loro dire, “era incapace di partecipare coscientemente al giudizio”.

Gli avvocati difensori dell’ex leader di Confindustria in Sicilia, Carlo Taormina e Giuseppe Panepinto, hanno sottolineato come le varie perizie depositate hanno dimostrato che Montante sarebbe affetto da uno stato depressivo. La richiesta è già stata rigettata in primo grado.

Avv. Carlo Taormina
Avv. Carlo Taormina

La Corte, presieduta da Andreina Occhipinti (a latere Giovanbattista Tona e Alessandra Giunta) si è riservata di decidere. Nel corso dell’udienza la Corte d’Appello ha rigettato e ammesso tutti coloro che hanno chiesto di costituirsi parte civile, così come avevano fatto in primo grado, nell’ambito del processo sul cosiddetto “Sistema Montante”, ripreso ieri dopo la pausa estiva e che si celebra nei confronti di cinque imputati.

La Corte ha inoltre rigettato l’eccezione sollevata dalla difesa sull’incompetenza territoriale. Imputati del processo insieme a Montante anche l’ex comandante della Guardia di Finanza ed ex capocentro della Dia Gianfranco Ardizzone, il sostituto commissario di polizia Marco De Angelis, il responsabile della sicurezza di Confindustria Diego Di Simone e il questore Andrea Grassi. Gli imputati, sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, al favoreggiamento, rivelazione di segreto d’ufficio e accesso abusivo al sistema informatico.

Montante in primo grado era stato condannato a 14 anni, con una sentenza che parlò di mafia trasparente” per definire il suo Sistema basato sul dossieraggio e la gestione occulta del potere.

Nelle motivazioni della sentenza di 1° grado si legge: “Montante è stato il motore immobile di un meccanismo perverso di conquista e gestione occulta del potere che, sotto le insegne di un’antimafia iconografica, ha sostanzialmente occupato, mediante la corruzione sistematica e le raffinate operazioni di dossieraggio, molte istituzioni regionali e nazionali”. Nell’inchiesta, ribattezzata “Double Face“, emerge la doppia faccia dell’ormai ex paladino dell’Antimafia.

 

 

LEGGI ANCHE:

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

Motivazione sentenza Montante: “Di mestiere faceva il ricattatore seriale”

LE INCHIESTE DI REPORT:

1ª Parte – VIDEO

2ª Parte – VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.