Montante lascia il carcere e va ai domiciliari, il giudice: "È depresso" :ilSicilia.it
Caltanissetta

accolto l'appello dei legali

Montante lascia il carcere e va ai domiciliari, il giudice: “È depresso”

12 Marzo 2019

A maggio sarebbero stati 12 mesi di carcere per Antonello Montante che, invece, è stato liberato dal Tribunale del riesame. Motivo? L’ ex presidente di Confindustria Sicilia sarebbe affetto da una patologia depressiva incompatibile con il regime carcerario. Per questo motivo si lascia alle spalle il cancello del “Pagliarelli”, dove era stato trasferito sabato scorso, e va ai domiciliari.

L’appello dei suoi legali, quindi, è stato accolto dal giudice di Caltanissetta che ne ha disposto la scarcerazione. A novembre dello scorso anno, la Cassazione aveva rinviato a nuovo esame l’accusa di associazione a delinquere tenendo, invece, in piedi quelle sui presunti reati di corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, accesso abusivo ai sistemi informatici e favoreggiamento.

L’ex leader degli industriali siciliani rimane a giudizio col rito abbreviato attualmente in corso.

Nelle tredici pagine del provvedimento, il Tribunale del riesame di Caltanissetta ha disposto per Montante gli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico e il “divieto di comunicare, con qualsiasi mezzo, con persone diverse dai conviventi e dai difensori che lo assistono“. Per i giudici “non si può dimenticare la pericolosità già ravvisata nell’imputato“, ma bisogna “tenere conto altresì dell’oggettivo affievolimento del pericolo di inquinamento probatorio conseguente alla scelta di definire il processo col rito abbreviato e dal presumibile attenuarsi della capacità a delinquere dell’imputato” sia “per la patologia depressiva che lo ha colpitosia per “l’effetto deterrente” legato ai nove mesi di detenzione. Il Tribunale ritiene che la detenzione in carcere deve essere “sostituita con gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico” e il “divieto assoluto di comunicare” con l’esterno vista “l’intrinseca inaffidabilità dell’appellante“.

Secondo l’accusa l’ex leader di Confindustria Sicilia aveva creato quello che la Procura ha definito il “sistema Montante”: una “tentacolare rete di rapporti” con politici, uomini dei servizi segreti e delle forze di polizia per ottenere e scambiare informazioni riservate dalla Procura di Caltanissetta.

Montante era stato arrestato e posto ai domiciliari dalla squadra mobile della Questura il 14 maggio del 2018, in esecuzione di un’ordinanza di 2.567 pagine firmata dal gip Maria Carmela Giannazzo che ha accolto l’impianto accusatorio dell’inchiesta ‘Doble face’ della Dda nissena.

Il 24 maggio è stato poi condotto in carcere: il gip ha inasprito la misura dei domiciliari perché l’indagato avrebbe tentato di inquinare le prove a suo carico. La Cassazione ha di recente rigettato un ricorso del suo collegio di difesa per trasferire il processo da Caltanissetta.

 

LEGGI ANCHE:

Caso Montante, l’avvocato Taormina: “Gravi anomalie, il processo va spostato”

Arrestato Montante: “spiava indagini a suo carico”

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.