Monte Pellegrino: Legambiente pianta alberi nelle aree colpite dall'incendio :ilSicilia.it
Palermo

sabato 25 gennaio

Monte Pellegrino: Legambiente pianta alberi nelle aree colpite dall’incendio

di
24 Gennaio 2020

Sabato 25 gennaio, alle ore 9:00, saranno messe a dimora centinaia di piante autoctone fornite dal comune di Palermo, in una delle aree devastate dall’incendio del 2016 nella riserva di Monte Pellegrino. L’appuntamento è fissato presso il piazzale della Statua di S. Rosalia.

DEVASTATI I DUE TERZI DELLA RISERVA

A causa delle fiamme nella R.N.O, su 780 ettari di superficie boscata, ben 494 (63,3%) sono stati interessati dall’incendio.

Ma il piano di Gestione Forestale, di cui è incaricata l’Università di Palermo e che ne permetterebbe il recupero, è ad uno stallo.

Le associazioni “Legambiente Palermo” e “Natura da Salvare” saranno a Monte Pellegrino insieme ai Rangers d’Italia Sezione Sicilia, gli operai volontari del comune di Palermo e tanti cittadini per dimostrare che il futuro e la tutela della Riserva Naturale non possono più aspettare.

Dopo la distribuzione di guanti e attrezzi, si darà il via alla messa a dimora delle piante incendiata. Alle ore 10:30 è prevista un’attività per i più piccoli, nella quale verranno nuovi arbusti dedicandoli con una targhetta ai bambini che li vorranno adottare. L’evento terminerà alle ore 13:00.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.