Monte Pellegrino, nuovo stop ai lavori di messa in sicurezza costone roccioso :ilSicilia.it
Palermo

Sopra al cimitero dei Rotoli

Monte Pellegrino, nuovo stop ai lavori di messa in sicurezza costone roccioso

di
30 Gennaio 2020

Ancora uno stop ai lavori di consolidamento del costone roccioso di Monte Pellegrino che sovrasta l’area del cimitero di Santa Maria dei Rotoli. Il consorzio Integra aggiudicatario dell’appalto, a dicembre ha estromesso dall’esecuzione dei lavori la ditta Himera, che ha già  provveduto a smontare il cantiere e a licenziare gli 8 lavoratori.  I lavori, partiti nel 2015, hanno subito diverse battute d’arresto a causa di contenziosi sorti tra l’azienda che detiene l’appalto e l’impresa agrigentina esecutrice dei lavori.  Nell’estate 2016 si lavori si sono fermati  per circa 3 mesi a causa dell’incendio  su Monte Pellegrino.

Da interlocuzioni informali avute con l’impresa  – dichiara Salvatore Bono, della Fillea Cgil Palermo – apprendiamo che ci sono tutte le intenzioni per ultimare i lavori e che il consorzio Integra intende affidarne l’esecuzione a un’altra ditta associata.   Ma fino ad oggi non abbiamo ancora nessuna notizia in merito alla data di ripartenza del cantiere né tantomeno sulle garanzie occupazionali per i lavoratori licenziati“.

I lavoratori non hanno ricevuto le ultime tre mensilità di stipendio e il Tfr e  non sono stati versati gli accantonamenti in Cassa edile a partire dallo scorso mese di febbraio. “Oltre a questo – aggiunge Salvatore Bono – la nostra preoccupazione è che l’opera possa restare l’ennesima incompiuta. E, per l’importanza che riveste per l’incolumità dei cittadini, ci auguriamo che possa essere ultimata in tempi brevi“.

Nel tempo il numero dei lavoratori impegnati nella messa in sicurezza del promontorio  si è notevolmente ridotto, in quanto l’opera è in fase di ultimazione: è stato già stato eseguito circa il 90 per cento dei lavori. Durante la piena fase lavorativa, gli operai impiegati per il consolidamento del costone roccioso erano 25.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?
Banner Telegram

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin