Monumenti abbandonati e degrado per le strade: "Palermo città dimenticata" | Foto :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia dell'associazione comitati civici

Monumenti abbandonati e degrado per le strade: “Palermo città dimenticata” | Foto

di
8 Dicembre 2019

 

Guarda in alto le foto

Mentre a Palermo si discute di attivare la Ztl notturna, h24, basta fare una passeggiata, lungo le vie del centro storico più grande d’Europa, non dimenticando le periferie, per rendersi conto che qualcosa sembra non funzionare, nonostante tutti i provvedimenti che, a questo punto, sembrano tornare utili solo all’Amministrazione attiva, in quanto i cittadini non hanno benefici a riguardo, o almeno così sembra.

Il nostro patrimonio monumentale viene trattato con sufficienza dai nostri amministratori, come se non avesse bisogno di cure continue e di controlli per evitare danneggiamenti“, affermano dall’associazione Comitati civici Palermo.

Basta scorrere le immagini catturate in questi ultimi giorni di un autunno che tarda a venire, con la città ancora invasa dai turisti, per individuare alcune delle criticità più ricorrenti.

Ai piedi della fontana di piazza Pretoria esiste il divieto di sedersi sui fragili e preziosi marmi, danneggiati dal calcare e dall’usura del tempo, eppure quotidianamente vediamo intere scolaresche o turisti appollaiati sulle balaustre, mentre i vigili non ce la fanno a fare i dovuti controlli per fare rispettare il sacrosanto divieto. E poi lungo il percorso arabo normanno vediamo i turisti destreggiarsi fra materassi abbandonati sui marciapiedi, a pochi passi dal Palazzo Reale. E poi che dire di piazza Bellini? Ai piedi della chiesa di San Cataldo c’è una testimonianza delle antiche mura fenicie, un raro reperto che viene costantemente sommerso dai poveri stracci e dalle masserie di qualche clochard che ha eletto a rifugio questo anfratto monumentale. Di fronte c’è una postazione di bike sharing trasformata in discarica a cielo aperto, proprio sotto le finestre del palazzo Pretorio, sede istituzionale del sindaco“, aggiungono i Comitati civici.

Pochi passi nel cuore monumentale di Palermo e si staglia un’edicola, abbandonata da tempo davanti alla splendida chiesa di San Giuseppe dei Teatini, utilizzata come deposito rifiuti. Ed accanto a questo spettacolo i venditori di caldarroste, con le bancarelle piazzate al centro della strada, con tanto fumo che sicuramente non giova alle fontane monumentali dei Quattro Canti, già coperte da una nera patina di smog. A proposito di smog e automobili, andando in giro per il centro storico vediamo le zone pedonali invase dalle auto, incuranti dei divieti e posteggiate a ridosso di Porta Nuova, accanto all’abside della Cattedrale a piazzetta Sett’Angeli, oppure quasi addosso alla teca di vetro che protegge i mosaici risalenti al primo secolo dopo Cristo, sempre in barba ai divieti. E poi posteggi selvaggi in via Matteo Bonello, piazza San Francesco d’Assisi, piazza Bologni. Auto sempre ed ovunque in una città che disprezza i monumenti e calpesta ogni regola“, concludono dall’associazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.