Monumenti abbandonati e degrado per le strade: "Palermo città dimenticata" | Foto :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia dell'associazione comitati civici

Monumenti abbandonati e degrado per le strade: “Palermo città dimenticata” | Foto

di
8 Dicembre 2019

 

Guarda in alto le foto

Mentre a Palermo si discute di attivare la Ztl notturna, h24, basta fare una passeggiata, lungo le vie del centro storico più grande d’Europa, non dimenticando le periferie, per rendersi conto che qualcosa sembra non funzionare, nonostante tutti i provvedimenti che, a questo punto, sembrano tornare utili solo all’Amministrazione attiva, in quanto i cittadini non hanno benefici a riguardo, o almeno così sembra.

Il nostro patrimonio monumentale viene trattato con sufficienza dai nostri amministratori, come se non avesse bisogno di cure continue e di controlli per evitare danneggiamenti“, affermano dall’associazione Comitati civici Palermo.

Basta scorrere le immagini catturate in questi ultimi giorni di un autunno che tarda a venire, con la città ancora invasa dai turisti, per individuare alcune delle criticità più ricorrenti.

Ai piedi della fontana di piazza Pretoria esiste il divieto di sedersi sui fragili e preziosi marmi, danneggiati dal calcare e dall’usura del tempo, eppure quotidianamente vediamo intere scolaresche o turisti appollaiati sulle balaustre, mentre i vigili non ce la fanno a fare i dovuti controlli per fare rispettare il sacrosanto divieto. E poi lungo il percorso arabo normanno vediamo i turisti destreggiarsi fra materassi abbandonati sui marciapiedi, a pochi passi dal Palazzo Reale. E poi che dire di piazza Bellini? Ai piedi della chiesa di San Cataldo c’è una testimonianza delle antiche mura fenicie, un raro reperto che viene costantemente sommerso dai poveri stracci e dalle masserie di qualche clochard che ha eletto a rifugio questo anfratto monumentale. Di fronte c’è una postazione di bike sharing trasformata in discarica a cielo aperto, proprio sotto le finestre del palazzo Pretorio, sede istituzionale del sindaco“, aggiungono i Comitati civici.

Pochi passi nel cuore monumentale di Palermo e si staglia un’edicola, abbandonata da tempo davanti alla splendida chiesa di San Giuseppe dei Teatini, utilizzata come deposito rifiuti. Ed accanto a questo spettacolo i venditori di caldarroste, con le bancarelle piazzate al centro della strada, con tanto fumo che sicuramente non giova alle fontane monumentali dei Quattro Canti, già coperte da una nera patina di smog. A proposito di smog e automobili, andando in giro per il centro storico vediamo le zone pedonali invase dalle auto, incuranti dei divieti e posteggiate a ridosso di Porta Nuova, accanto all’abside della Cattedrale a piazzetta Sett’Angeli, oppure quasi addosso alla teca di vetro che protegge i mosaici risalenti al primo secolo dopo Cristo, sempre in barba ai divieti. E poi posteggi selvaggi in via Matteo Bonello, piazza San Francesco d’Assisi, piazza Bologni. Auto sempre ed ovunque in una città che disprezza i monumenti e calpesta ogni regola“, concludono dall’associazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.