Moody's conferma il rating della Regione: debito in calo :ilSicilia.it

Il report dell'agenzia

Moody’s conferma il rating della Regione: debito in calo

di
22 Ottobre 2019

“Ba1”: rimane stabile il rating riportato nell’ultimo aggiornamento del Credit Opinion di Moody’s per la Regione Siciliana.

Il report diffuso dall’agenzia di rating evidenzia la riduzione del debito che nel 2020, secondo le stime, scenderà al di sotto dei 7 miliardi. Notevole la diminuzione dell’incidenza sulle entrate d’esercizio, che nelle previsioni passa dal 48,5% del 2017 al 44,8 del 2019 e al 43,2 nel 2021.

Aumenta in modo anche la liquidità, con un progressivo incremento nell’ultimo biennio di ben oltre il miliardo di euro. Trovano inoltre riscontro significative riduzioni di spesa in diversi settori a partire da quello sanitario.

Moody’s mette in risalto i contenuti dell’accordo Stato-Regione nel dicembre 2018 sugli equilibri finanziari della Regione, con minori trasferimenti nel triennio per circa 900 milioni di euro.

Vengono inoltre pubblicate alcune considerazioni sulla gestione amministrativa della Regione utilizzando “politiche di bilancio credibili e di risanamento”. Il rapporto, inoltre, pone l’attenzione sulla rilevanza dell’autonomia finanziaria regionale derivata dalla prevista applicazione delle norme dello Statuto speciale.

Al termine del 2018, la Regione siciliana ha registrato un indebitamento netto, diretto e indiretto, di 7,4 miliardi di euro, diminuito dal 2017, quando ammontava a 7,7 miliardi di euro. Le previsioni dell’Ente territoriale sono positive e prevedono che il debito scenderà a 6,7 miliardi di euro entro il 2021. La porzione maggiore del debito regionale diretto alla fine dell’anno 2018 era rappresentato da prestiti bancari con una scadenza media di circa 22 anni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.