Morìa a 5stelle, si batte in ritirata. La lista ora è a rischio :ilSicilia.it
Palermo

Solo 27 candidabili, poche le donne

Morìa a 5stelle, si batte in ritirata. La lista ora è a rischio

di
13 Gennaio 2017

Non c’è pace nel M5s a Palermo: dopo Tiziana Di Pasquale, Giulia Argiroffi, Carlo Caparrotta, nella “Top five” dei candidati a sindaco dei Cinquestelle alle amministrative di maggio, e di Ivana Cimò e Alberto Mundo, in lizza per un seggio a Sala delle Lapidi, lascia un’ altra donna nella lista per il Consiglio comunale: Giovanna D’Agostino. A comunicarlo è lei stessa in un lungo post su Facebook, motivandola come una scelta che “nasce dalla convinzione che al momento non esistono le condizioni necessarie per portare avanti un progetto comune legato ai valori del Movimento”.

E così per effetto della legge elettorale che impone la doppia preferenza di genere scende ancora il numero dei candidabili nella lista del M5s: da 30 sono arrivati a 27 (9 donne e 18 uomini). Dopo l’addio alle “sindacarie” di Di Pasquale, Argiroffi e Caparrotta a sfidarsi nei prossimi giorni saranno due candidati: l’avvocato Ugo Forello e il poliziotto Igor Gelarda, che sulle defezioni arrivate nelle ultime ore affida a un post su Facebook alcune considerazioni. “Mi dispiace che che altri due candidabili a Sindaco abbiano abbandonato. Sui motivi – scrive – che li abbiano condotti a tale passo, nulla quaestio. Saranno sicuramente motivazioni serie ed importanti. Ma devo fare un piccolo sforzo per credere che siano motivi sconosciuti ancor prima di salire sul palco della famosa graticola. Non comprendo neanche tutti questi ritiri dei candidati al Consiglio Comunale, come se si trattasse di una nave che affonda. Ve lo voglio dire: la nave non sta affatto affondando”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin