Morosi Amam: a Messina al via i distacchi dell'acqua. Solo il 19% utenti in regola :ilSicilia.it
Messina

possibile il recupero di 5 mln di euro

Morosi Amam: a Messina al via i distacchi dell’acqua. Solo il 19% utenti in regola

7 Ottobre 2019

“Abbiamo fatto l’analisi di tutti i contribuenti morosi dell’Amam e stamattina abbiamo iniziato i distacchi dell’acqua per le attività commerciali  e la riduzione dell’erogazione presso le utenze domestiche”. Ad annunciare l’azione del Comune di Messina nei confronti dei “furbetti” dell’acqua è il sindaco Cateno De Luca che così lancia un messaggio ai morosi che non risultano in regola con i pagamenti delle bollette nei confronti degli uffici di Palazzo Zanca.

De Luca si rivolge senza troppi giri di parole all’indirizzo proprio dei morosi: “Quando verrà Amam a tagliare o ridurre l’erogazione dell’acqua è inutile che chiamate le Forze dell’Ordine perché significa denuncia per resistenza alla legittima azione della pubblica amministrazione”. “Perché non denunciate gli eventuali amministratori di condominio – continua De Luca – che si sono rubati i vostri soldi e non hanno pagato l’acqua perché magari avevano amici che li coprivano a Palazzo Zanca ed in Amam?”. “Abbiamo un dato nel quale si certifica che solo il 19% degli utenti è in regola”, evidenzia il primo cittadino. 

Prevediamo di recuperare da qui a dicembre almeno 5 milioni di euro in più. In passato questo tipo di azioni di recupero non sono mai state fatte. Sino a questo momento l’entrata di liquidità media sin qui è stata a Messina di circa 23 milioni e l’unica azione fatta ha portato a fatica al recupero soltanto di Un milione di euro. Come al solito proveranno a sminuire questa nostra iniziativa ma non importa, noi andiamo avanti. Contiamo di poter onorare tutta la rateizzazione che abbiamo definito con le società che erogano energia elettrica. Amam aveva accumulato circa 50 milioni di debiti verso le varie compagnie“, ha detto De Luca.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.