Morosi dell'acqua: "Cittadini truffati da amministratori di condominio" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco di Messina chiede ai cittadini di denunciare

Morosi dell’acqua: “Cittadini truffati da amministratori di condominio”

8 Ottobre 2019

Nella lotta ai morosi dell’acqua il sindaco di Messina, Cateno De Luca, apre un nuovo fronte e, mentre sono iniziati i distacchi agli operatori economici e la riduzione alle utenze residenziali, spuntano le presunte responsabilità nei mancati pagamenti da parte di alcuni amministratori di condominio.

“Gli amministratori di condominio che hanno truffato i condomini non pagando l’acqua devono essere denunciati all’Autorità Giudiziaria e revocati dall’incarico”, è il monito che lancia De Luca.

de-luca“Ci stanno pervenendo tante segnalazioni su queste truffe – afferma De Luca – ma noi cosa dobbiamo fare se alcuni amministratori di condominio hanno riscosso dai condomini i soldi per pagare l’acqua ma hanno fatto altro? Solo di fronte a una denuncia depositata all’Autorità Giudiziaria dai condomini e con un verbale di rimozione dell’amministratore di condominio per giusta causa, solo in tal caso possiamo avviare un percorso che agevoli una situazione balorda che si trascina da decenni. A questo punto bisogna consentire l’allaccio del contatore individuale, per uscire dalla balordaggine del contatore condominiale e vedere come poter raterizzare i debiti maturati. Ma se non ci troviamo di fronte a questa situazione, con una denuncia per furto e appropriazione indebita e la rimozione dell’amministratore, non so che dire e non ho che fare se la gente è stata amministrata da truffatori. Lo voglio dire e precisare una volta per tutte”.

Amam Messina“Quindi io chiedo ai truffati di convocare subito le riunioni di condominio, avviare l’azione contro l’amministratore e con quello nuovo fare istanza all’Amam. Noi vedremo di aprire una nuova fase, che comunque ha un debito che rimane in capo ad Amam e al resto della comunità. Si può soltanto agevolare il percorso di installazione del contatore individuale ed evitare la riduzione della fornitura dell’acqua che crea grande disagi”.

Con le attività commerciali invece – conclude De Luca – stiamo andando avanti col distacco totale dell’acqua. Sino a quando non si paga il 25% di acconto e non si sottoscrive la rateizzazione sino ad un massimo di 36 mesi, mi dispiace ma l’acqua non verrà ripristinata”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.