Morte Arturo Di Modica, Samonà: "Un triste giorno per la Sicilia" :ilSicilia.it

La dichiarazione dell'assessore

Morte Arturo Di Modica, Samonà: “Un triste giorno per la Sicilia”

di
20 Febbraio 2021

Oggi per la Sicilia e per il mondo intero è un triste giorno perché, stanotte, all’età di ottant’anni, dopo una lunga malattia, è venuto a mancare, nella sua casa di Vittoria, il maestro Arturo Di Modica. Un’altra sua opera, ‘Bund Bull’, questa volta raffigurante un animale più giovane e rappresentante la rampante società cinese, venne installata, nel 2010, a Shangai“.

Così l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samonà.

Sicuramente, però, quella a cui teneva di più sarebbe stata la sua ultima, ‘I Cavalli dell’Ippari’, pensata per la sua città, un progetto che avrebbe visto un arco, formato da due cavalli rampanti, sempre in bronzo, posti l’uno di fronte all’altro e da piazzare nell’omonima valle nei pressi di Vittoria“, conclude Samonà.

 

LEGGI ANCHE

Addio ad Arturo Di Modica, lo scultore di Vittoria che creò il Toro di Wall Street

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin