Morte di Roberta Siragusa, il gip: "Gravissimo quadro indiziario a carico di Morreale" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

le indagini

Morte di Roberta Siragusa, il gip: “Gravissimo quadro indiziario a carico di Morreale”

di
29 Gennaio 2021

Alla luce dei molteplici elementi emersi, a dispetto della fase embrionale dell’indagine, non si può che concordare con l’organo dell’accusa relativamente alla sussistenza di un gravissimo quadro indiziario a carico del Morreale. Ed invero, il materiale probatorio offerto a questo decidente non si presta a letture alternative che abbiano un barlume di credibilità“. Lo scrive il gip di Termini Imerese, Angela Lo Pipero nell’ordinanza con cui non convalida il fermo ma applica la custodia cautelare in carcere a Pietro Morreale, 19 anni, indagato con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere, dopo la morte della fidanzata diciassettenne, Roberta Siragusa, il cui corpo è stato ritrovato in fondo ad un dirupo, parzialmente bruciato, domenica alle porte di Caccamo.

Ieri si è svolta l’udienza di convalida durante la quale l’indagato, assistito dai legali Giuseppe Di Cesare e Angela Maria Barillaro, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Prosegue ancora il gip: “L’indagato ha condotto i militari al corpo senza vita di Roberta e con lei ha trascorso gli ultimi – senz’altro tragici – momenti della sua vita. Ha detto di non averla uccisa ma, seppure in un coacervo di dettagli ancora da chiarire, il compendio probatorio a suo carico è estremamente grave“.

I carabinieri di Termini Imerese – coordinati dal procuratore Ambrogio Cartosio e dal sostituto Giacomo Carta – da domenica, giorno del ritrovamento del corpo della diciassettenne, hanno proseguito le indagini. Oltre alle videocamere che immortalano i passaggi notturni dell’autovettura in uso a Morreale, proprio ieri i carabinieri hanno effettuato un sopralluogo al campo sportivo di Caccamo repertando alcuni oggetti “significativi” e tra un cumulo di oggetti parzialmente bruciati, anche un mazzo di chiavi. “Una foto del mazzo di chiavi parzialmente bruciato ma integro – si legge nel provvedimento – è stata mostrata ai familiari di Roberta che hanno prima descritto le chiavi di casa in possesso della vittima della ragazza la sera della morte e ne hanno riconosciuto la corrispondenza con quelle in uso alla ragazza“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco