Morte di Viviana Parisi, i periti: "Auto investita da un furgone" :ilSicilia.it
Messina

LE ULTIME

Morte di Viviana Parisi, i periti: “Auto investita da un furgone”

di
15 Settembre 2020

Proseguono le indagini sulla morte della dj Viviana Parisi e del piccolo Gioele.

A rivelare nuovi dettagli sono stati Carmelo Costa e Giuseppe Monfreda, consulenti delle famiglie Mondello e Parisi. I due periti hanno infatti eseguito un esame sulla vettura della donna all’autosoccorso Letizia di Brolo (ME).

LE PAROLE DEI PERITI

“Sia l’auto di Viviana Parisi che il mezzo degli operai dell’autostrada erano in movimento il 3 agosto e quindi il furgone non era fermo come si è pensato in un primo momento. Ed è probabile che lo stesso furgone abbia tentato di invadere la corsia di sorpasso investendo l’auto della donna“.

Secondo i primi riscontri – proseguono i periti – il seggiolino dove viaggiava Gioele era slacciato e non attaccato all’auto. Ora andremo nella galleria Pizzo Turda sulla A20, nei pressi di Caronia, per ricostruire meglio la dinamica dell’incidente“.

Abbiamo esaminato tutti i danni. Il camion aveva già subito delle riparazioni perché era stato sequestrano non nell’immediatezza, ma fortunatamente nella porta coinvolta nell’incidente non aveva subito riparazioni quindi abbiamo potuto fare le nostre analisi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.