Operaio morto in miniera nel 2006, arriva la prescrizione per i due imputati | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

Vincenzo Noto morì a Realmonte schiacciato da un blocco di salgemma

Operaio morto in miniera nel 2006, arriva la prescrizione per i due imputati

di
20 Dicembre 2016

Il 23 febbraio 2006 il minatore Vincenzo Noto è morto stritolato da un blocco di salgemma di 200 tonnellate; l’uomo stava guidando una pala meccanica durante un lavoro nella miniera Italkali a 300 metri di profondità per l’estrazione del sale quando la cabina di guida rimase completamente schiacciata da un blocco di salgemma, fatalità o errata manutenzione dei cunicoli?

In primo grado era stato inflitto un anno di reclusione a Calogero Schembri, 55 anni, direttore del sito; sei mesi a Stefano Giuseppe Iacono, 62 anni, dipendente addetto alla sorveglianza. Quasi undici anni dopo la prescrizione cancella le condanne ma i due imputati, sempre se la Cassazione confermerà il verdetto, dovranno comunque pagare il risarcimento dei danni ai familiari di Vincenzo Noto che si sono costituiti parte civile con l’assistenza dell’avvocato Vincenza Gaziano.

Secondo la Procura quelle operazioni si sarebbero dovute svolgere con una pala radiocomandata a distanza per evitare che i blocchi di sale si potessero staccare, come è avvenuto, schiacciando gli operai. A Schembri e Iacono si contestava inoltre di non avere provveduto a informare il dipendente dei rischi connessi alla sua attività.

I giudici della terza sezione della Corte di appello di Palermo, presieduta da Fabio Marino, hanno riformato la sentenza, emessa il 10 gennaio di tre anni fa dal giudice monocratico di Agrigento, Ottavio Mosti, dichiarando l’avvenuta prescrizione del reato. In realtà la modifica non stravolge il senso del verdetto di primo grado ma, essendo trascorsi oltre dieci anni dall’incidente mortale sul lavoro, il reato di omicidio colposo non è più punibile. Il processo a carico di Schembri e Iacono scaturisce da una seconda inchiesta, avviata dopo il processo concluso con la condanna definitiva di Giuseppe Manno, legale rappresentante della cooperativa di cui Noto era dipendente.

In primo grado, in questo stralcio dell’inchiesta, era imputato anche Angelo Iannello, 53 anni, caposervizio dell’azienda. Il processo è stato particolarmente lungo e complesso e alla fine Iannello venne assolto in via definitiva perché il giudice ha ritenuto che non rientrasse fra i suoi compiti quello di informare i dipendenti dei rischi connessi all’attività o coordinare il lavoro degli stessi operai.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro