17 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33
Palermo

aveva 83 anni

Morto Gianni Parisi, storico esponente del Pci siciliano

20 Aprile 2019

È morto a Palermo l’ex deputato regionale del Pci, Gianni Parisi. Aveva 83 anni. Fece parte dell’Assemblea siciliana dall’81 al ’96 e fu capogruppo dei comunisti.

Nell’estate del ’92, con l’ingresso del Pci nel governo del democristiano Giuseppe Campione, Parisi fu vicepresidente della Regione e assessore alla Cooperazione.

Poco più che ventenne, nel ’56 il partito lo mandò a Mosca dove studiò all’università e dove conobbe Svetlana, che sposò e dalla quale ebbe tre figli. Parisi fece parte del Comitato centrale del Pci e nel ’76, dopo la stagione di Achille Occhetto, fu eletto segretario regionale del Pci in Sicilia, guidando il partito fino all’81.

Nel 2003 pubblicò per Sellerio “Storia capovolta”, un racconto tra l’autobiografico e il diaristico che percorreva mezzo secolo di politica, dal 1951 al 2001.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.