Morto il poeta Stefano Vilardo, amico e compagno di scuola di Sciascia :ilSicilia.it

lutto nel mondo della cultura

Morto il poeta Stefano Vilardo, amico e compagno di scuola di Sciascia

di
17 Gennaio 2021

All’età di 99 anni è morto a Palermo il poeta e scrittore Stefano Vilardo. Era grande amico di Leonardo Sciascia che aveva conosciuto tra i banchi dell’istituto magistrale di Caltanissetta.

Vilardo, che era nato a Delia (Caltanissetta) e ha continuato a scrivere fino all’ultimo, aveva esordito con una raccolta di poesie (“I primi fuochi”) pubblicata nel 1954 dall’editore Sciascia omonimo dello scrittore. La sua opera più conosciuta è “Tutti dicono Germania Germania” del 1975: una raccolta in versi di storie di sofferenze di emigrati con una introduzione di Sciascia. Sono seguite altre raccolte di poesie, tra cui “Gli astratti furori”, e un libro di memoria: “A scuola con Leonardo Sciascia”, a cura di Antonio Motta, edito da Sellerio.

Vilardo aveva da poco tempo scritto un racconto che sarà pubblicato in un volume curato da Vito Catalano, nipote di Sciascia. Progettava di scrivere anche un libro di storie e di personaggi del suo paese.

© Riproduzione Riservata
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin