"Mothership", da Londra il video live della band di Davide Shorty :ilSicilia.it
Palermo

La band si è formata nel 2012

“Mothership”, da Londra il video live della band di Davide Shorty

5 Luglio 2017

Dall’esibizione live che i Retrospective For Love, capitanati dal siciliano Davide Shorty, hanno eseguito a marzo sul palco del leggendario Jazz Cafe di Camden Town di Londra, rinomato per aver contato la presenza di artisti quali D’Angelo, Roy Ayers, The Roots, Jamiroquai, Amy Winehouse, è stato estratto il video “Mothership”.

Il brano, prodotto da Big Joe artista anche lui siciliano, fa parte dell’album di debutto “Random Activities of a Heart“, lavoro che porta l’etichetta inglese Wormfood Records e che vanta diverse collaborazioni artistiche.

Tra queste quella di Laïoung, talento nascente della scena trap italiana, di Phat Kat, noto rapper di Detroit, Alba Plano, Otty, DUSTY, Nebbïa, Big Joe e Yazmyn Hendrix, che unisce melodie influenzate da hip hop, soul e jazz, all’elettronica. “Siamo una richiesta d’aiuto arrivata attraverso il suono di un vinile, il bisogno d’amore e condivisione nell’accezione più pura – dichiara Davide Shorty -. La nostra musica ci rende un’unità, fa vibrare il corpo e ci dà modo di rilassare il viso stropicciato dalla quotidianità. Dovreste provarla, ne abbiamo in abbondanza per tutti. La consigliamo particolarmente a quei cuori che saltellano poco prima di rompersi, in modo da rendere i saltelli una danza riparatoria.

“Random Activities of a Heart”, acquistabile sulle piattaforme digitali, è stato anticipato dal singolo “Let Me Know” feat. Yazmyn Hendrix, brano che ha anche un B-Side, “The Picture You Show Me”, prodotto dal palermitano Nebbïa.

I Retrospective For Love sono la soul band nata a Londra nel 2012 da un’idea del cantautore, rapper e producer siciliano Davide Shorty, all’indomani del successo ottenuto ad X Factor Italia nel 2015.

A lui si sono affiancati, negli anni, la cantante parigina Leslie Phillips, Alessandro La Barbera, chitarre, Agostino Collura al basso, Claudio Guarcello alle tastiere, e Daniel Bond alla batteria. Alla realizzazione dell’album hanno collaborato anche Giacomo Braghi, Gabriele “GaBa” Scalici ed Hanno Rigger.

Nel loro quartier generale a North West London, la band londinese ha coniato un suono unico che racchiude prepotentemente la personalità di ogni musicista che lo compone; le loro liriche, dense di significato, dipingono nel modo più sincero le attività del cuore umano, rapportato a se stesso e agli altri, nel bene e nel male, nella chiarezza e nella confusione.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.