Movida a Palermo, la precisione del Comune sull'asporto: "Fino all'1.30 ma non in vetro" :ilSicilia.it
Palermo

LA NOTA

Movida a Palermo, la precisione del Comune sull’asporto: “Fino all’1.30 ma non in vetro”

di
28 Giugno 2020

Il comune di Palermo ha inviato una nota di chiarimento relativamente alla nuova ordinanza sulla movida emessa dal sindaco Leoluca Orlando. Un equilibrio difficile quello fra i commercianti e i residenti, che reclamano la possibilità di poter dormire la notte.

LA NOTA

In particolare, “l’Amministrazione ha ritenuto opportuno chiarire, in tal modo, il punto 4 dell’ordinanza precedente, al fine di evitare interpretazioni ed applicazioni contraddittorie“.

Nella fattispecie, si sottolinea che dalle ore 24:00 gli esercenti, oltre che vendere e somministrare in loco, potranno anche vendere per asporto ma non in contenitori di vetro o bottiglie, ciò sempre sino alle ore 01:30 e con chiusura alle ore 02:00“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.