Movida a Palermo: piazze blindate e in tanti fuori oltre il coprifuoco :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

i controlli

Movida a Palermo: piazze blindate e in tanti fuori oltre il coprifuoco

di
20 Giugno 2021

Movida sempre più blindata nelle zone maggiormente frequentate dai giovani a Palermo. Ieri sera, ancora in zona gialla, e fino a notte controllate da polizia di Stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale piazza Sant’Anna, i luoghi di ritrovo come l’antico mercato della Vucciria, piazza Magione e altri strade del centro storico.

Verso mezzanotte molti giovani sono stati fatti allontanare per rispettare il coprifuoco. In tanti si sono riversati alle spalle della chiesa di San Domenico e in piazza Giovanni Meli. Qui sono dovuti intervenire gli agenti di polizia chiamati dai residenti per far chiudere i locali e allontanare i clienti che avrebbero voluto trascorrere la serata tra i vicoli .

“Ogni sera dobbiamo chiamare la polizia – dicono i residenti in piazza Giovanni Meli – In questa zona non solo nei fine settimana siamo vittime della movida. Adesso c’è stato il coprifuoco, ma con la zona bianca che scatterà domani tutto sarà come prima e noi resteremo prigionieri nelle nostre case tra notti insonne e grande caos fino a tarda notte”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin