Movida a Palermo: sanzioni e sequestro per alcuni locali del centro :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Movida a Palermo: sanzioni e sequestro per alcuni locali del centro

di
9 Agosto 2020

Una decina di locali sottoposti al vaglio degli agenti, due sono risultati non in regola, sotto i profili autorizzativi. Ad effettuare i capillari riscontri i poliziotti del Commissariato di P.S. “Oreto-stazione” coadiuvati da personale dell’Asp di Palermo.

Nella zona di Casa Professa il titolare di un esercizio ove si effettuava servizio ai tavoli ed effettivamente attrezzato per questo tipo di consumazione, ha esibito due autorizzazioni, comunale e sanitaria rilasciate soltanto per “attività di produzione e vendita di prodotti di gastronomia ed asporto” ed esercizio di vicinato per commercio di alimenti e bevande.

E’ stata rilevata la mancanza di conformità strutturale e la presenza di un unico bagno, per altro a disposizione esclusivamente del personale dipendente, condizione quest’ultima assolutamente incompatibile con l’attività di somministrazione di cibi e bevande ai tavoli.

Sono state elevate sanzioni pari a  8000,00 euro ed il locale è stato sottoposto a sequestro.

Il titolare di un minimarket di via Maqueda è stato invece sanzionato per la mancanza di compilazione delle schede operative, circostanza per la quale è stata elevata una sanzione di 2000,00 euro.

I servizi proseguiranno senza soluzione di continuità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.