Movida Palermo, chiudere i locali non serve: centro storico preda degli abusivi | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il popolo della notte

Movida Palermo, chiudere i locali non serve: centro storico preda degli abusivi | VIDEO

di
28 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Arrivano a tarda sera, anche se qualcuno si vede già nelle ultime ore di apertura di pub e locali del centro storico di Palermo, questi ultimi costretti da un’ordinanza firmata dal sindaco Orlando alla chiusura all’una e trenta (anticipata all’una in alcun giorni feriali stabiliti dal documento). Sono i venditori abusivi di bevande alcoliche che invadono il centro storico di Palermo, da piazza Sant’Anna alla Magione fino alle altre zone in cui i giovani si ritrovano. Arrivano alla spicciolata con i ‘pozzetti‘ per vendere birra e altre bevande, mentre gli esercenti mestamente abbassano le saracinesche.

La voglia di fare festa fino a tardi, con la zona bianca e l’abolizione del coprifuoco dopo un anno e mezzo di restrizioni più o meno continue, è tanta e anche i titolari di pub e locali, attanagliati dalla crisi economica a causa del Covid, speravano di potere prendere una boccata d’ossigeno. E invece l’ordinanza firmata dal sindaco che ha l’intento di tutelare il decoro urbano e garantire la sicurezza nelle strade ha limitato l’orario di apertura.

Intanto, però, i risultati non sembrano essere rispondenti alle aspettative, si diffonde lo scontento e si invocano misure diverse per arginare il fenomeno, con residenti e commercianti che chiedono maggiori controlli e una più costante presenza delle forze dell’ordine nelle ore notturne. A piazza Sant’Anna, per esempio, durante il giorno si vedono diverse volanti di carabinieri, polizia municipale e Guardia di Finanza, ma a un certo punto anche loro vanno via, e con i locali chiusi la zona diventa il ‘regno’ di abusivi e popolo della movida selvaggia.

L’ordinanza del sindaco tiene in considerazione ‘la sempre più notevole compresenza di persone, con prevalenza maggiore nelle ore notturne e nelle zone del centro storico, frequentate per lo più da parte dei più giovani inclini a consumare cibi e bevande’ e ha l’intento dichiarato “di approntare ulteriori adeguate misure atte a garantire sia il rispetto della quiete pubblica, il decoro urbano, sia la sicurezza e la pubblica incolumità dei residenti e della cittadinanza tutta”, ma non sembra al momento dare i frutti sperati.

Ieri sera, domenica 27 giugno, le piazze hanno visto (esattamente come nei giorni precedenti) arrivare i venditori abusivi: queste zone, dunque, sono rimaste piene di gente fino a tarda notte, alimentando lo scontento tra i residenti, costretti a sentire il vociare degli avventori e la musica dai motorini con gli altoparlanti a mille. Oltre a quello dei titolari dei pub e dei locali che si sono sentiti beffati per le nuove restrizioni imposte.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin