Movida Palermo, sanzioni ai Chiavettieri e Vin Brulé. A Ballarò vigili aggrediti :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Movida Palermo, sanzioni ai Chiavettieri e Vin Brulé. A Ballarò vigili aggrediti

di
11 Luglio 2020

Sanzionati quattro locali nell’ambito dei controlli effettuati nella sera di ieri, venerdì 10 luglio, per il rispetto delle misure di contenimento del COVID-19.

Nel corso dei controlli, in uno dei locali, si sono verificate forti tensioni, tanto che gli agenti hanno dovuto chiedere l’intervento di altre pattuglie per completare le operazioni di sequestro. Per la prima volta da quando è in dotazione alle pattuglie, inoltre, gli agenti hanno dovuto fare ricorso al sistema di chiamata d’emergenza tramite dispositivo indossabile, poiché veniva loro impedito di chiamare supporto tramite la radio.

Massima solidarietà agli agenti aggrediti – hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e il vice sindaco Fabio Giambronee plauso per la professionalità dimostrata nel proseguire attività di controllo e repressione di comportamenti che non sono soltanto illeciti amministrativi, ma costituiscono un grave rischio per la salute di tutti”.

A seguire i dettagli dei controlli effettuati:

– Controllo ispettivo al pub Taverna Conti di Via Nunzio Nasi, 6/8/10 in piazza Ballarò.

All’atto del sopralluogo, il pubblico esercizio esercitava l’attività di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche e ristorazione, con intrattenimento musicale. Al controllo, è emerso che l’attività era priva della prescritta autorizzazione e/o SCIA.

Contestazioni elevate: locale sprovvisto della prescritta SCIA per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande con annessa cucina laboratorio, verbale di euro 5.000 e sequestro cautelare amministrativo. Attività sprovvista della prescritta Registrazione Sanitaria, verbale di euro 3.000.

Nel corso dei controlli il gestore del locale si è opposto con forza e violenza al sequestro con il supporto di numerosi avventori presenti in piazza Ballarò. Si sono verificati momenti di forti tensioni, tali da richiedere con urgenza ausilio alla Centrale operativa. Per completare le operazioni di sequestro è stato necessario l’intervento di cinque volanti dei Carabinieri e una camionetta della Guardia di Finanza.

– Sopralluogo al pub Vin Brulè in via Chiavettieri, 30/32.

Notizia di Reato, ai sensi dell’Art 650 CP, per non avere osservato l’orario di chiusura imposta dall’Ordinanza del sindaco e ai sensi degli artt. 633 e 639 bis CP per avere occupato illecitamente una porzione di area pubblica, circa 50 mq, quasi l’80 % della carreggiata, ai fini di trarne profitto.

Contestazioni elevate: proseguiva l’attività di somministrazione di alimenti e bevande alcoliche ai tavoli oltre le ore 2.00, contravvenendo a quanto stabilito dall’Ordinanza sindacale (Art.5 O. S. 66/2020), verbale di euro 1.000. Art 20 CdS, per l’illecita occupazione di suolo pubblico, verbale di euro 178. Locale sprovvisto di Dia Sanitaria esterna, verbale di euro 1.000. Non rispettava i termini previsti dal Regolamento comunale Dehors, verbale di euro 350.

– Controllo Ispettivo al pub Planta di via Alessandro Volta, 22.

All’atto del sopralluogo, il pubblico esercizio esercitava l’attività di somministrazione di alimenti e bevande con annessa cucina laboratorio.
Contestazioni elevate: il titolare era privo dell’attestato di alimentarista, verbale di euro 1.000. Non rispettava i requisiti generali di igiene, verbale di euro 2.000. Locale privo del prescritto Piano di Autocontrollo HACCP, verbale di euro 2.000.

– Controllo ispettivo al pub Ai Chiavettieri di Via Chiavettieri, 14/16/18.

All’atto del sopralluogo, il pubblico esercizio esercitava l’attività di somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche e ristorazione, con intrattenimento musicale. Al controllo, è emerso che l’attività era priva della prescritta autorizzazione e/o SCIA.
Contestazioni elevate: sprovvisto della prescritta SCIA di attività di somministrazione di alimenti e bevande con annessa cucina laboratorio, verbale di euro 5.000 e sequestro cautelare amministrativo. Sprovvisto della prescritta Registrazione Sanitaria, verbale di euro 3.000. Proseguiva l’attività di somministrazione di alimenti e bevande alcoliche ai tavoli oltre le ore 2.00, così come prescritto dall’Ordinanza del sindaco (art 5 O.S. 66/20), verbale di euro 1.000. Infine, notizia di reato ai sensi dell’art 650 CP per non avere osservato l’orario di chiusura imposta dall’Ordinanza del sindaco

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.