Movida selvaggia a Palermo: karaoke alle 3 di notte e alcolici senza licenza, 16mila euro di sanzioni :ilSicilia.it
Palermo

i controlli nel weekend

Movida selvaggia a Palermo: karaoke alle 3 di notte e alcolici senza licenza, 16mila euro di sanzioni

di
18 Marzo 2019

Venerdì notte i controlli sui locali della movida predisposti dal Comandante della Polizia Municipale di Palermo, Gabriele Marchese, sulla sicurezza alimentare ed il rispetto degli orari di diffusione musicale, si sono conclusi con oltre 16.000 euro di sanzioni, il sequestro di alcolici e due denunce; una per disturbo della quiete pubblica e l’altra ad un falso capitano della polizia che tentava di eludere i controlli di un pub.

Un mini market di via Roma all’altezza di Discesa Dei Giudici svolgeva illecitamente l’attività di bar, sebbene autorizzato alla sola vendita di prodotti alimentari. In un frigo a vetrina e 1.554 bottiglie di alcolici e superalcolici. Sono state comminate sanzioni per la somministrazione e vendita di bevande alcoliche e superalcoliche oltre la mezzanotte, per la mancanza dell’alcool test da mettere a disposizione dei clienti e la mancata esposizione nel locale delle  tabelle alcolemiche e degli orari di apertura e chiusura.

alcoliciIn via Mazzini invece, alle tre di notte, quasi  fosse un normale pomeriggio, gli agenti riscontravano in un pub lo svolgimento di un karaoke a squarciagola con musica ad alto volume. Prima dell’ingresso, un fuori programma: un individuo credeva di fermare l’introduzione degli agenti, presentandosi come un capitano della polizia, urlando in presenza di più persone che il locale non aveva necessità di essere controllato perché in regola. Gli agenti non si scomponevano e verificato che il tizio, successivamente  identificato per Z.R. di 51 anni, utilizzava una placca di riconoscimento della Croce Rossa Italiana, lo denunciavano all’autorità giudiziaria per usurpazione di titolo, resistenza a pubblico ufficiale e  Interruzione di pubblico servizio.

Una volta entrati nel locale gli agenti procedevano a denunciare il titolare per disturbo della quiete pubblica oltre al sequestro delle apparecchiature musicali, per diffusione di musica all’esterno del locale oltre l’orario consentito dalla vigente ordinanza sindacale.

Altre sanzioni sono state comminate per l’assenza della prevista relazione fonometrica delle apparecchiature elettroacustiche in uso, per mancanza dell’alcol test da mettere a disposizione dei clienti e la mancata esposizione del listino dei cocktail e della tabella degli orari di apertura e chiusura.

Il gestore e il barman sono stati inoltre sanzionati.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.