Movida violenta a Palermo: il questore emana otto Daspo “Willy” :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Movida violenta a Palermo: il questore emana otto Daspo “Willy”

di
19 Aprile 2021

Il Questore di Palermo, Leopoldo Laricchia, ha adottato la nuova misura di prevenzione, c.d. Daspo “Willy”, ed ha posto un freno alla movida violenta a Palermo ed in provincia.

Dall’inizio di quest’anno 8 provvedimenti di Divieto di accesso a locali pubblici sono stati emessi nei confronti di altrettante persone che si sono rese responsabili di gravi disordini sociali.

Il novellato strumento normativo, ispirato alla triste storia di “Willy Monteiro Duarte”, voluto dal legislatore per rafforzare la sicurezza nei luoghi maggiormente frequentati dai ragazzi, mira a prevenire il ripetersi di tragedie come, appunto, quella accaduta a Colleferro (RM) nel settembre scorso.

A seguito di riscontri ed indagini, sviluppate dalla Divisione Anticrimine, a meno di tre mesi dalla denuncia per lesioni personali, il Questore ha emesso il Daspo “Willy” a carico degli autori del pestaggio subito da un giovane in Piazza Caracciolo, violentemente colpito con l’uso di una bottiglia di vetro raccolta da terra e con un bastone di legno, sotto gli occhi di centinaia di persone.

Le porte dei locali pubblici della “Vucciria” resteranno chiuse per i destinatari del provvedimento che sino al 2023 non potranno avvicinarsi al noto quartiere della movida notturna palermitana.

Analoga misura di prevenzione a tutela della sicurezza e dell’incolumità dei cittadini, è stata adottata dal Questore di Palermo nei confronti di un giovane trentenne che, nell’agosto del 2018, in pieno centro a Bagheria, aveva aggredito una persona extracomunitaria nei pressi di una gelateria.

Subito dopo la sentenza con cui la Corte di Cassazione, negli ultimi mesi del 2020, ha confermato la condanna alla pena di un anno e otto mesi di reclusione, per aver insultato e violentemente colpito con un crick una persona inerme, l’autore della vile condotta, per altro aggravata dall’aver agito per motivi di pregiudizio razziale, già censurata penalmente, è stato raggiunto dall’ulteriore misura del Divieto di accedere e avvinarsi a diversi locali pubblici bagheresi per la durata di due anni.

Sempre con il Daspo “Willy” è stato allontanato un soggetto che in ripetute occasioni ha creato disordini nel Comune di Partinico. L’uomo, spesso ubriaco, molestava fastidiosamente altri clienti di bar, danneggiava locali pubblici, arrivando a minacciare ed aggredire con violenza ignari passanti in transito lungo le principali vie del centro urbano. Pregiudicato anche per i reati di oltraggio, resistenza e lesioni nei confronti delle Forze dell’Ordine, numerose volte intervenute per placare la sua pericolosa predisposizione alla violenza, spesso per altro esacerbata dall’alcool, per due anni, dovrà stare lontano da diversi locali pubblici della zona interessata.

Daspo “Willy” anche sulle Madonie. Tra ottobre e novembre 2020, tre soggetti in più occasioni, per futili motivi, hanno aggredito altri avventori intenti a consumare bevande all’interno di un pub e di un locale pubblico del Comune di Lercara Friddi. Inottemperanti anche alle vigenti disposizioni sanitarie per contenere la diffusione della pandemia da Covid-19, i facinorosi soggetti hanno tentato di colpire con cocci di bottiglia i carabinieri intervenuti sul posto. Gli autori dei disordini pubblici sono stati arrestati e indagati per i reati di resistenza e lesioni personali aggravate.

A seguito di tali fatti, il Questore di Palermo ha adottato nei confronti dei tre uomini, pericolosi per la sicurezza pubblica, il Divieto di acceso e a diversi locali pubblici o aperti al pubblico presenti nel territorio di  Lercara Friddi, per la durata di due anni. Per due dei tre soggetti, la misura di prevenzione è resa più severa dall’estensione del Divieto a bar e locali pubblici, specificamente individuati, ubicati nei limitrofi Comuni di Castronovo di Sicilia, Roccapalumba, Vicari e Prizzi. Inoltre, nei confronti del più pericoloso dei tre denunciati, pregiudicato anche per reati di rapina e ricettazione, il provvedimento è stato aggravato anche dall’imposizione dell’obbligo di presentazione presso gli uffici di polizia per la durata di 12 mesi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti