Mozione di sfiducia a Orlando, il sindaco di Palermo stavolta rischia :ilSicilia.it
Palermo

L'analisi

Mozione di sfiducia a Orlando, il sindaco di Palermo stavolta rischia

di
11 Giugno 2021

Non si arresta la polemica al Comune di Palermo e tutto sembra pronto per la presentazione della mozione di sfiducia contro il sindaco Leoluca Orlando. Nei giorni scorsi era stata approvata la revisione contro l’assessore alla mobilità Giusto Catania, alla quale era succeduta una conferenza stampa di tutti i componenti della giunta Orlando, tranne il primo cittadino, con cui si lanciava la sfida all’opposizione: “Sfiduciateci tutti”, era stata la provocazione degli assessori.

Ora sembra che le opposizioni vogliano percorrere un’altra strada, quella di sfiduciare direttamente Orlando.

“Sto provvedendo a definire, insieme ad alcuni alleati di centrodestra, una bozza del testo della mozione di sfiducia al sindaco Orlando – ha dichiarato il consigliere della Lega Igor Gelarda -. Entro lunedì il testo sarà pronto, e subito dopo ne proporremo la firma a tutti i consiglieri di buona volontà di questa città. Questa farsa politico-drammatica non può continuare. Il consiglio comunale è ormai diventato una arena, mentre la città è completamente bloccata. Sotto tutti i punti di vista. Orlando deve andare a casa il prima possibile, questo è ciò che vogliono i palermitani e questo è ciò che ha chiesto a noi anche Matteo Salvini. Nessuna paura di tornare a votare, abbiamo lavorato unico obiettivo deve essere liberare la città”.

Marianna Caronia
Marianna Caronia

Ma la Lega non è l’unico partito a Sala delle Lapidi che si prepara a sfiduciare Orlando. Anche dalle parti di Forza Italia c’è chi vuole la testa (politicamente parlando) del sindaco: “Ripeto da mesi che non vi è alternativa alla mozione di sfiducia al Sindaco Leoluca Orlando, la cui permanenza in carica è ogni ora di più motivo di danni alla nostra città, ai servizi, all’economia. Finalmente registro da parte di colleghi consiglieri del centrodestra questa sintonia, per cui mi auguro che arriveremo presto al voto, nel quale ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini e dovrà dire chiaramente da che parte sta: o con Orlando o con Palermo, afferma l’azzurra Marianna Caronia.

Non sarebbe la prima mozione di sfiducia presentata contro il sindaco.

Qualche mese fa, infatti, Orlando superò lo scoglio in consiglio comunale, ma stavolta, se la sfiducia venisse effettivamente presentata, il primo cittadino non potrebbe contare sui voti delle truppe di Italia Viva e Italia Viva-Sicilia Futura, nel frattempo passati all’opposizione. Mentre fino a poco tempo fa avevano sostenuto Orlando.

Anche Fratelli d’Italia sembra orientarsi verso la mozione di sfiducia, mentre il M5S lancia strali verso il sindaco: “Continuare a offendere l’attività del Consiglio comunale, il massimo organo rappresentativo cittadino, mette in luce tutta la fragilità di una giunta comunale ben lontana dall’essere coesa, fin troppe volte oggetto di rimpasti e defezioni. Una mozione di sfiducia a un Assessore, votata in una seduta che per essere valida prevede una maggioranza qualificata, ha un altissimo valore politico, e chi fa finta di non riconoscerlo probabilmente tenta di sfuggire a un doveroso esame di coscienza. Il progetto politico della sindacatura Orlando del 2017-2022 è nato male e sta finendo peggio. Noi del M5S lo avevamo detto già in campagna elettorale. Era più che prevedibile che il Sindaco non sarebbe mai riuscito a tenere insieme anime tanto diverse, in una maggioranza “arlecchina”, che ha iniziato a perdere pezzi già all’indomani delle elezioni. La Giunta piuttosto si interroghi, se ne è capace, rispetto a quanto di sua competenza: se, ad esempio, in questi anni avrebbe potuto fare di più e meglio. Ne siamo certi, ed evidentemente questo pensiero è condiviso da una maggioranza di Consiglieri che sono stati, piaccia o meno, eletti democraticamente dai cittadini, con l’indicazione di nome e cognome, e non nominati da un Primo cittadino che ormai da tempo non riscuote più, neanche nella cerchia dei suoi originari sostenitori, il consenso di una sepolta “primavera”.

Insomma, se la mozione di sfiducia dovesse essere davvero presentata, per il sindaco potrebbero esserci grossi problemi, con la reale concludere anticipatamente la sua ultima esperienza da primo cittadino.

Cosa faranno le forze politiche che non lo sostengono? Da alcune parti sono arrivati i distinguo sulla mozione. Ebbene, c’è chi suggerisce un’alternativa, quella delle dimissioni contestuali di almeno 21 congileri. Ad oggi i numeri ci sarebbero.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin