Mozione di sfiducia a Orlando, l'Udc si smarca: "Sarebbe alibi per il sindaco" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Mozione di sfiducia a Orlando, l’Udc si smarca: “Sarebbe alibi per il sindaco”

di
16 Giugno 2021

La mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Leoluca Orlando, depositata lo scorso 14 giugno presso la Segreteria generale del Comune di Palermo, è stata al momento firmata da alcuni consiglieri: Francesco Scarpinato e Mimmo Russo di Fratelli d’Italia, Igor Gelarda della Lega, Marianna Caronia ex esponente di Forza Italia a Sala delle Lapidi. Fabrizio Ferrandelli e Cesare Mattaliano di Più Europa. Dopo la mozione di sfiducia votata dall’Aula verso l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania, alcuni schieramenti della coalizione di centrodestra rompono gli indugi, ratificando il loro totale dissenso rispetto a linee guida e gestione politica del Primo cittadino e della sua Giunta.

Una mossa perentoria, la cui opportunità, in ragione delle possibili conseguenze nell’immediato, non è  totalmente condivisa dai partiti all’opposizione.

Elio Ficarra, vice segretario regionale dell’UDC Sicilia e consigliere comunale di Palermo, illustra la posizione del movimento centrista in vista delle prossime elezioni amministrative in programma nel capoluogo siciliano nel 2022.

Il fallimento incontrovertibile di Leoluca Orlando e della sua Giunta è inesorabilmente certificato dallo stato di degrado, incuria ed abbandono in cui versa la nostra meravigliosa città. Una gestione disastrosa a tutti i livelli, sul piano politico, sociale e concettuale, farcita di slogan tronfi di retorica e di iniziative di matrice autoreferenziale. Palermo è stata troppo a lungo prigioniera di una bolla di arroganza e supponenza istituzionale, che ha generato distanza e deleteria incomunicabilità tra l’attuale pubblica amministrazione e i cittadini.

L’UDC si presenterà alle prossime elezioni amministrative di Palermo 2022 con una lista unica e con il proprio simbolo nella coalizione di centrodestra. La nostra sarà una lista aperta ad esponenti politici, liberi professionisti, associazioni di volontariato, mondo dell’imprenditoria locale, ai movimenti giovanili, agli attivisti ed a tutti coloro che contribuiranno con progetti, idee e proposte costruttive a rilanciare le sorti della nostra città. Sulla base dei principi moderati e democratici, valori cardine del nostro pensiero politico, vogliamo creare un laboratorio di menti e coscienze fervide, professionalità qualificate e cittadini innamorati di Palermo pronti a spendere tempo ed energia per restituire lustro al capoluogo siciliano. Il nostro partito è oggi in grado di esprimere un candidato sindaco in possesso di tutti i requisiti, politici e morali, per adempiere all’incarico.

Il governo di centrosinistra che avrebbe dovuto farsi carico delle istanze dei palermitani, trovando risposte e soluzioni concrete alle numerose emergenze che avversano il capoluogo siciliano, si è dimostrato desolatamente inadeguato a svolgere la propria funzione. Disservizi pubblici di ogni sorta, abusivismo dilagante, caos rifiuti, l’onta di oltre 1000 bare accatastate ed in perenne attesa di una degna sepoltura, logorio e condizioni precarie di strade ed infrastrutture, la riattivazione inopportuna ed intempestiva della Ztl che ha dato il colpo di grazia ai commercianti già provati dal riverbero rovinoso della pandemia da Covid-19. Ritengo che questo costituisca un quadro esplicativo e sufficiente affinché, dimostrando coscienza e senso di responsabilità, Orlando rassegni le sue dimissioni. 
La mozione di sfiducia nei suoi confronti è ormai una mossa tardiva e probabilmente controproducente per le sorti della città – afferma l’esponente del partito centrista a Sala delle Lapidi – l’ipotesi del commissariamento, in caso di eventuale approvazione dell’atto da parte del Consiglio comunale, è assolutamente da scongiurare. Anche in caso di esito positivo della votazione del documento, si andrebbe comunque alle urne nel periodo compreso tra aprile e giugno prossimo, in corrispondenza con la scadenza naturale del mandato. Il rischio che Palermo non può permettersi di correre in questo frangente è quello di sprofondare in un limbo politico e burocratico che lascerebbe troppe criticità irrisolte nell’immediato, finendo per compromettere una situazione già abbastanza complicata. In qualità di esponenti di riferimento dell’UDC sul territorio non vogliamo che Orlando possa strumentalizzare questa mozione di sfiducia, commutando la stessa in un fantomatico alibi, raccontandoci di chissà quali provvedimenti salvifici aveva in cantiere per cambiare le sorti della città negli ultimi mesi della sua sindacatura. La coalizione di centrodestra non deve frazionarsi e cedere a logiche opportunistiche e di partito, urge riunirsi attorno ad un tavolo al fine di concertare linee guida ed un candidato autorevole al ruolo di Sindaco che possa risollevare le sorti del capoluogo siciliano in vista del ritorno alle urne nel 2022“.

Sulla stessa lunghezza d’onda il coordinatore cittadino a Palermo dell’UDC SIcilia, Andrea Aiello.

La città è letteralmente in frantumi dopo anni di gestione noncurante e a dir poco miope da parte del governo di centrosinistra. Il sindaco Orlando e la sua Giunta hanno condotto Palermo sull’orlo del baratro e bisogna invertire la rotta prima che sia troppo tardi. La coalizione di centrodestra deve mettere da parte logiche partitiche ed interessi di qualsiasi genere legati ai singoli schieramenti. Bisogna fare fronte comune ed organizzare un incontro per lavorare in sinergia al programma politico che dovrà creare basi nuove e segnare una netta discontinuità con il passato per la Palermo del 2022. La fuga in avanti di Fratelli d’Italia la ritengo precipitosa ed inopportuna, la mozione di sfiducia ad Orlando potrebbe diventare un boomerang. Il Primo cittadino finirebbe per motivare in modo pretestuoso e semplicistico il suo fallimento politico con l’impossibilità di completare il suo mandato e di ultimare le intese con il partito democratico nazionale per salvare Palermo dal baratro. Tutta la coalizione di centrodestra deve individuare un candidato Sindaco autorevole e dal riconosciuto background politico e professionale che guidi la rinascita di Palermo nel 2022“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin