Mozione di sfiducia contro il sindaco, Caronia lascia Forza Italia: "O con Orlando o con Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

L'affermazione dell'ex forzista

Mozione di sfiducia contro il sindaco, Caronia lascia Forza Italia: “O con Orlando o con Palermo”

di
14 Giugno 2021

L’avevo scritto qualche giorno fa e così è stato: la mozione di sfiducia a Orlando, che con altri consiglieri ho firmato stamattina, è finalmente un elemento di chiarezza, che costringe tutti ad assumersi le proprie responsabilità di fronte ai palermitani. Serve anche a rendere chiaro chi è davvero opposizione e chi è la stampella di Orlando”, ha dichiarato Marianna Caronia, consigliere di Forza Italia al Comune di Palermo.

“Prendo atto che anche Forza Italia, vuole condannare la città ad essere governata da Orlando per un altro anno, a differenza di chi vuole, come me, mandare presto a casa questa Giunta per tutti i danni che ha arrecato e potrebbe continuare ad arrecare ai palermitani. Non mi stupisce, dopo che ormai da mesi Forza Italia, – prosegue Caronia –  anche al massimo livello regionale e all’ARS, ha palesemente voltato le spalle a Palermo”.

A questo punto non posso che lasciare il partito e proseguire la battaglia per contribuire senza impedimenti a liberare questa nostra martoriata città. Se infatti Orlando resterà un altro anno potranno solo aggravarsi i problemi che egli stesso e la sua Amministrazione hanno causato e di cui si rendono corresponsabili anche coloro che vorrebbero impedire che si metta fine a questa terribile agonia”.

E di questo saranno responsabili anche coloro che, anche dentro Forza Italia, continuano a far di tutto per tenere il Prof. Orlando ancora in sella. Ma mi auguro che ciò non accada. O si è con Orlando o si è con Palermo, ed io senza se e senza ma ho scelto Palermo”, conclude la forzista Caronia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin