Mozione di sfiducia per l'assessore Catania, l'annuncio del leader di Più Europa Fabrizio Ferrandelli :ilSicilia.it
Palermo

Il consigliere chiede di "calendarizzare il voto in Aula"

Mozione di sfiducia per l’assessore Catania, l’annuncio del leader di Più Europa Fabrizio Ferrandelli

21 Novembre 2019

Sto per presentare una mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore Giusto Catania” – questo l’annuncio del leader di Più Europa, Fabrizio Ferrandelli.

La mozione – precisa Ferrandelli – poggia su diversi punti di criticità e di mancato rispetto istituzionale. L’assessore Catania, infatti, mostra assenza di dialogo e confronto democratico con l’organismo consiliare, glissando nei fatti la possibilità di un percorso condiviso che possa, con atti deliberativi e strumenti propri dell’organo, affrontare e risolvere definitivamente importanti problemi”.

La questione più recente, in ordine di tempo, riguarda la modifica di giorni e orari della Ztl in sfregio alla legge che impone la regolamentazione della materia con delibera di consiglio comunale. Procedura che l’assessore vorrebbe disattendere emanando d’imperio un suo provvedimento. Catania – continua Ferrandelli – è anche chiamato a rispondere della mancata definizione dell’iter del PRG che doveva concludersi, come da determina sindacale, entro il 31 ottobre 2019″.

Un ulteriore punto di contestazione è la mancata trasmissione al Consiglio Comunale del Contratto di servizio di Rap (scaduto ad agosto 2019) che sta determinando incertezze a cittadini e lavoratori, pregiudicando la corretta gestione del ciclo dei rifiuti. Altrettanta preoccupazione registriamo in merito alla gestione del trasporto pubblico in città. Si constata, infatti, una sensibile riduzione delle corse e un preoccupante disequilibrio nei conti dell’azienda in questione“, spiega il leader di Più Europa.

A queste puntuali contestazioni seguono continue offese alla cittadinanza da parte dell’assessore Catania, squalificando il ruolo che riveste.
Insieme a chi vorrà sottoscriverla – aggiunge Ferrandelli – ci rivolgeremo a tutta l’Aula affinché, a salvaguardia del rispetto istituzionale che merita l’organismo di pianificazione e controllo, condivida con noi lo spirito di questo segnale politico”.

Infine, pur non essendo oggetto della mozione, lungi dal voler essere una strumentalizzazione politica, chiediamo sempre all’assessore Catania di far chiarezza circa il presunto abuso segnalato dalla trasmissione Le Iene che riguarderebbe un cancello del proprio condominio che interdirebbe un’area pubblica. Se tale fatto fosse riscontrato – conclude Ferrandelli – è inutile dire che comprometterebbe qualsiasi credibilità in relazione non soltanto alle dichiarazioni che ha rilasciato ma anche delle istituzioni che rappresenta”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.