Mps: a ottobre chiudono 100 filiali. Il no del sindacato Fabi Sicilia :ilSicilia.it

tagli in vista

Mps: a ottobre chiudono 100 filiali. Il no del sindacato Fabi Sicilia

di
12 Settembre 2019

Prosegue la cura dimagrante del Monte dei Paschi con la chiusura di 100 filiali previste dal piano di ristrutturazione del 2017 che si andranno ad aggiungere alle 500 già chiuse nel 2018, e con due anni in anticipo rispetto ai tempi concordati con la Bce .

Le chiusure sono divise in tutte le aree territoriali della banca senese: una quarantina di sportelli al Nord, una ventina nel Centro Italia e altrettanti in Toscana e 20 al Sud, soprattutto in Sicilia.

Proprio questa decisione, comunicata ieri in una nota della banca, ha scatenato la dura reazione della Fabi che ha tenuto a sottolineare come le banche nazionali nell’ultimo periodo stiano mettendo in atto una vera e propria «ritirata» dall’Isola.

Carmelo Raffa, coordinatore Fabi Sicilia
Carmelo Raffa

«Mentre i sindacati continuano a lanciare l’allarme sulla continua desertificazione della rete di sportelli bancari nell’Isola e chiedono invece di fare assunzioni per limitare i disagi della clientela fortemente penalizzata, constatiamo che gli istituti di credito perseverano nella determinazione di chiudere i propri punti nei piccoli centri. Dopo Unicredit, Intesa San Paolo e Banco Popolare questa volta la decisione è scaturita dal Monte dei Paschi di Siena. La nostra terra perderà le filiali MPS nei seguenti centri: San Cataldo, ACI Bonaccorsi, Valguarnera, San Giovanni Gemini, Sommatino, Ficarazzi Tortorici», ha commentato il coordinatore dice Carmelo Raffa, coordinatore della Fabi in Sicilia, Carmelo Raffa.

Continua intanto in parallelo il ridimensionamento del personale, il cui valore obiettivo è stato fissato in circa 5.500 unità. Nel 2018 ci sono state 1.800 uscite con il fondo di solidarietà e 650 sono state quelle del 2019.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.