Mùfara Fest: appuntamenti di musica, natura e cibo ad alta quota | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

a Piano Battaglia

Mùfara Fest: appuntamenti di musica, natura e cibo ad alta quota | FOTO

19 Luglio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO 

Se si mettono insieme un luogo naturale ancora incontaminato, a 1860 metri d’altezza, la musica, il buon cibo e l’arte nelle sue diverse forme viene fuori “Mùfara Fest“, la rassegna nata da un’idea di Carlo Ramo, che ne cura la direzione generale, e dal musicista Dario Sulis, direzione artistica, che si terrà a Piano Battaglia da luglio a novembre.

Un cartellone di musica, parole, degustazioni, visite guidate, lezioni di yoga, mountain bike ed escursioni sui sentieri natura e all’Abies Nebrodensis , l’abete endemico di queste zone, osservazioni del cielo stellato, gare di bici.

Un modo per riscoprire le Madonie e prendere contatto con un ambiente pressoché intatto, quello del monte Mùfara, lontano dalle luci della città e dall’inquinamento della metropoli.

Piano BattagliaPer ogni appuntamento in programma si sale con la seggiovia biposto gestita dalla Piano Battaglia srl, che ha promuove l’intero cartellone (passaggio A/R incluso nel biglietto): otto minuti e si arriva a quasi duemila metri.

Il primo appuntamento a luglio sarà domenica 21, alle 15,30, con l’esecuzione de le “Quattro Stagioni di Vivaldi” affidate al sestetto d’archi dell’Ensemble Aristarco con Fabio Ferrara al violino solista, James Hutchings e Daniele Malinverno ai violini, Gaspare D’Amato alla viola e Alberto Baldo al violoncello, Gaetano Di Peri al contrabbasso, nell’anfiteatro naturale “Massimo Accascina”.

Artisti dell’arco che attraverso le note rappresentano le sfere celesti nelle teorie di Aristarco di Samo, matematico, fisico e astronomo greco considerato uno dei precursori di Copernico per una visione eliocentrica dell’universo.

Il Mùfara Fest continuerà poi fino al  3 novembre, in oltre 30 appuntamenti, con protagonisti alcuni tra i maggiori musicisti e jazzisti siciliani e non solo: saliranno sul monte Marco Pomar con il suo nuovo spettacolo “Pomaretrò I love Palermo”, Gianni Gebbia, Diego Spitaleri, protagonista del prossimo appuntamento domenica 28 luglio. E poi ancora Simona Trentacoste, Tony Piscopo, Riccardo Gervasi, Sergio Beercock, Umberto Porcaro, i Mancuso, gli Alenfado, Riccardo Termini, Alessandra Mirabella, Debora Troia; e l’attrice Silvia Aielli che leggerà le favole di Gianni Rodàri.

A settembre poi l’opportunità di un trekking nelle Alte Madonie e una cronoscalata delle Madonie; si chiuderà con una quattro-giorni, un “great weekend” colmo di eventi, tra il 31 ottobre e il 3 novembre.

Tra gli appuntamenti, a cui se ne aggiungeranno altri in corsa soprattutto legati alla natura, assaggi di prodotti tipici del Parco delle Madonie, tra cui una particolarissima degustazione di acque autoctone, curata da Gianfranco Marrone la mattina del 13 agosto, lezioni di yoga (13 e 14 agosto), mountain bike, escursioni guidate da Antonio Mirabella seguendo percorsi a tema e visite dalle faggete alle stelle (27 luglio, fino all’osservatorio Gal Hassin), ma anche osservazioni delle stelle che da queste parti splendono di più, lontane come sono dall’inquinamento cittadino.

Un’occasione da non perdere, dunque, alla scoperta di piccoli borghi medievali, faggete e boschi.

Ulteriori informazioni sul sito www.pianobattagliasrl.it.

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.