Muore Mario Fasino, è stato presidente del Palermo e della Regione :ilSicilia.it
Palermo

Colpito da un ictus tre giorni fa, aveva 96 anni

Muore Mario Fasino, è stato presidente del Palermo e della Regione

di
17 Gennaio 2017

Nella giornata di oggi è morto a Palermo l’onorevole Mario Fasino di 96 anni; lo ha colpito un ictus fulminante tre giorni fa ed è rimasto in stato di incoscienza fino a ieri. Fasino è stato presidente della Regione Sicilia, più volte assessore regionale ed esponente di rilevo della Democrazia Cristiana nell’isola. Era giornalista e fu direttore della Voce Cattolica, l’organo di stampa della Curia palermitana.

Le sue radici sono siciliane, sebbene lui fosse nato a San Severo, in provincia di Foggia e divenne il primo politico a ricoprire la massima carica nel Palermo calcio, di cui fu anche presidente nella stagione 1953-54. Il Centro si studi filologici e linguistici siciliani gli diede la presidenza; acculturato, da ragazzo traduceva dal greco al latino direttamente senza passare per l’italiano. È stato infine presidente dell’associazione ex-parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.