"Murales d'artista", il progetto che sta colorando l'Albergheria | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Dall'idea di Igor Scalisi Palminteri

“Murales d’artista”, il progetto che sta colorando l’Albergheria | FOTO

di
25 Luglio 2018

Guarda la gallery in alto 

Dall’inaugurazione di Manifesta 12, la biennale nomade di arte contemporanea che fino al 4 novembre sarà presente a Palermo, non si fa altro che discutere in merito agli attesi “effetti positivi” che un investimento del genere “dovrà” avere nei mesi a venire.

Senza entrare nel merito di punti di vista e posizioni personali, tutti plausibili, a parer nostro il progetto “Murales d’artista” si inquadra nell’onda positiva di sensibilizzazione generatasi dal flusso di arte contemporanea arrivata in città.

Il progetto, in progress, è l’evoluzione di una prima azione mossa da Igor Scalisi Palminteri, autore del murales realizzato a Ballarò insieme ai bambini del centro sociale San Francesco Saverio, che raffigura San Benedetto il Moro.

Dal riscontro positivo di questo primo intervento l’idea di coinvolgere altri artisti e di intervenire su altre zone con il benestare dei cittadini.

Dopo San Benedetto il Moro – dice Scalisi Palminteri – con la confraternita dei fornai pensavamo di raccogliere soldi e coinvolgere pittori amici per realizzare altre opere a Ballarò. Poi abbiamo avuto il supporto di Francesco Galvagno (patron della Elenka e del progetto Elenk’art che promuove residenze d’artista – ndr) che ha finanziato l’affitto delle piattaforme aeree e la realizzazione di un documentario di Salvo Cuccia sul lavoro degli artisti mentre creano le opere; a lui si è aggiunta la ditta Piazza che ci ha fornito le vernici per i murales. E’ un’operazione che vuole incidere sul territorio, sulla riqualificazione della zona, un progetto che coinvolge gli abitanti. Molti condomini hanno offerto le loro facciate per realizzare le opere“.

murales d'artista

Al momento sono cinque gli artisti che stanno lavorando sulle piattaforme aeree dislocate all’Albergheria per realizzare le opere di street art, come già avvenuto nel quartiere Borgo Vecchio e come avviene in tutte le grandi città europee da Bruxelles a Madrid, da Parigi a Praga.

Gli artisti coinvolti, oltre a Scalisi Palminteri, sono: Alessandro Bazan, Andrea Buglisi, Angelo Crazyone e Fulvio Di Piazza.

Vortici di pesci, un colibrì, un’immagine di Franco Franchi, la gente del mercato e Santa Rosalia: sono questi i primi grandiosi “quadri di strada” che coloreranno facciate di anonimi condomini o mura tra edifici cadenti.

Supporto all’iniziativa è stato dato anche dalla Prima Circoscrizione col presidente Massimo Castiglia e il consigliere Salvo Imperiale, che ben conosce il quartiere.

Quando finiranno le opere – dice Imperialesarebbe bello che l’amministrazione comunale realizzasse un’illuminazione adeguata per far risaltare i murales“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco