"Murales d'artista", il progetto che sta colorando l'Albergheria | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

Dall'idea di Igor Scalisi Palminteri

“Murales d’artista”, il progetto che sta colorando l’Albergheria | FOTO

di
25 Luglio 2018

Guarda la gallery in alto 

Dall’inaugurazione di Manifesta 12, la biennale nomade di arte contemporanea che fino al 4 novembre sarà presente a Palermo, non si fa altro che discutere in merito agli attesi “effetti positivi” che un investimento del genere “dovrà” avere nei mesi a venire.

Senza entrare nel merito di punti di vista e posizioni personali, tutti plausibili, a parer nostro il progetto “Murales d’artista” si inquadra nell’onda positiva di sensibilizzazione generatasi dal flusso di arte contemporanea arrivata in città.

Il progetto, in progress, è l’evoluzione di una prima azione mossa da Igor Scalisi Palminteri, autore del murales realizzato a Ballarò insieme ai bambini del centro sociale San Francesco Saverio, che raffigura San Benedetto il Moro.

Dal riscontro positivo di questo primo intervento l’idea di coinvolgere altri artisti e di intervenire su altre zone con il benestare dei cittadini.

Dopo San Benedetto il Moro – dice Scalisi Palminteri – con la confraternita dei fornai pensavamo di raccogliere soldi e coinvolgere pittori amici per realizzare altre opere a Ballarò. Poi abbiamo avuto il supporto di Francesco Galvagno (patron della Elenka e del progetto Elenk’art che promuove residenze d’artista – ndr) che ha finanziato l’affitto delle piattaforme aeree e la realizzazione di un documentario di Salvo Cuccia sul lavoro degli artisti mentre creano le opere; a lui si è aggiunta la ditta Piazza che ci ha fornito le vernici per i murales. E’ un’operazione che vuole incidere sul territorio, sulla riqualificazione della zona, un progetto che coinvolge gli abitanti. Molti condomini hanno offerto le loro facciate per realizzare le opere“.

murales d'artista

Al momento sono cinque gli artisti che stanno lavorando sulle piattaforme aeree dislocate all’Albergheria per realizzare le opere di street art, come già avvenuto nel quartiere Borgo Vecchio e come avviene in tutte le grandi città europee da Bruxelles a Madrid, da Parigi a Praga.

Gli artisti coinvolti, oltre a Scalisi Palminteri, sono: Alessandro Bazan, Andrea Buglisi, Angelo Crazyone e Fulvio Di Piazza.

Vortici di pesci, un colibrì, un’immagine di Franco Franchi, la gente del mercato e Santa Rosalia: sono questi i primi grandiosi “quadri di strada” che coloreranno facciate di anonimi condomini o mura tra edifici cadenti.

Supporto all’iniziativa è stato dato anche dalla Prima Circoscrizione col presidente Massimo Castiglia e il consigliere Salvo Imperiale, che ben conosce il quartiere.

Quando finiranno le opere – dice Imperialesarebbe bello che l’amministrazione comunale realizzasse un’illuminazione adeguata per far risaltare i murales“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin