Musei al buio, senza computer e carta igienica, ma Sgarbi pensa al Senato :ilSicilia.it

Cgil: "Di tutto abbiamo bisogno, ma non di un assessore precario"

Musei al buio, senza computer e carta igienica, ma Sgarbi pensa al Senato

di
23 Gennaio 2018

Il Museo archeologico di Caltanissetta è senza corrente elettrica perchè non ci sono le risorse necessarie per garantire il servizio, adesso si sta rimediando con un gruppo elettrogeno.

In altri siti sparsi nell’Isola mancano computer, collegamenti a internet e persino la carta igienica nei bagni. “Se qui le strutture sono aperte e si erogano i servizi è solo grazie al senso di responsabilità degli operatori, che portano le attrezzature da casa, a cui però la Regione non liquida le spettanze dovute per la turnazione fissa e variabile e le indennità di vigilanza, relative agli anni 2016 e 2017”, denuncia il segretario regionale della Fp Cgil Clara Crocè.

E’ questa la triste condizione in cui versano da anni molti musei e siti archeologici e nella quale si trova a lavorare la maggior parte dei dipendenti regionali che opera nel settore. Per questo, l’organizzazione sindacale ha proclamato lo stato di agitazione e chiesto una riunione urgente con i vertici dell’assessorato.“Sono passati due mesi da quando è ufficialmente iniziato il corso della nuova amministrazione regionale, ma non si intravede ancora un piano organico per il rilancio e la gestione dei beni, nè siamo stati chiamati per sapere cosa si ha intenzione di fare”, spiega Clara Crocè che sottolinea: “di tutto abbiamo bisogno, tranne che di un assessore precario”.

E in effetti la precarietà è stata la cifra distintiva del critico d’arte sin dal giorno dell’insediamento del governo Musumeci, quando non fece in tempo a partecipare alla cerimonia ufficiale perchè lo aspettava un aereo in partenza per Roma. In quell’occasione Sgarbi, parlando ai giornalisti presenti a Palazzo d’Orleans, disse che avrebbe potuto lasciare il suo incarico in Sicilia se gli fosse stato proposto di fare il ministro della cultura nel prossimo esecutivo nazionale, visto che tutti i pronostici danno un governo a guida Forza Italia.

Oggi, ancora prima di conoscere l’esito delle Politiche e la volontà del nuovo presidente del Consiglio, sappiamo che Sgarbi lascerà l’incarico di assessore all’indomani delle elezioni nazionali. Proprio tre giorni fa lui stesso ha annunciato che Berlusconi gli avrebbe promesso un seggio sicuro al Senato nelle liste di Forza Italia.

La valorizzazione e la promozione dei beni culturali siciliani possono, quindi, attendere qualche altro mese di immobilismo, nella speranza che nel frattempo Sgarbi risparmi i cittadini siciliani dal suo istrionismo comunicativo capace di fargli guadagnare prima un assessorato in Sicilia e poi una poltrona a Roma.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin