Musei: uno su otto non riaprirà più. Ecco l'impatto del Covid-19 :ilSicilia.it

I dati di UNESCO e ICOM

Musei: uno su otto non riaprirà più. Ecco l’impatto del Covid-19

di
24 Giugno 2020

Il 90% dei musei del mondo ha chiuso i battenti e oltre il 10% potrebbe non riaprire mai più.

“La pandemia COVID-19 ha interrotto le attività dei musei di tutto il mondo, minacciando la loro sopravvivenza finanziaria e il sostentamento di migliaia di professionisti dei musei. Per analizzare l’impatto del blocco, il sondaggio ha riguardato cinque temi, tra cui la situazione attuale per musei e personale, impatto economico e digitale e comunicazione“. A dirlo è lUNESCO.

I dati emergono da due report congiunti tra l’agenzia delle Nazioni Unite e un sondaggio dell’International Council of Museums (ICOM)

I NUMERI

Nel mondo sono 95mila le istituzioni museali. Il 65% di esse è situata in Nord America e Europa occidentale, il 34% in Europa orientale, America Latina e Stati dell’Asia-Pacifico. Solo il 0,9%  è situato in Africa e lo 0,5% negli Stati arabi.

Di 85.000 istituzioni circa il 90 % di tutti i musei di tutto il mondo hanno chiuso durante il lockdown. 1.600 musei internazionali, ossia il 13% degli intervistati dall’ICOM ha riferito la chiusura definitiva. Un altro 19,2% ha dichiarato di non essere sicuro di poter continuare l’attività e quindi la possibile apertura.

Tra quelli che rimarranno aperti, ci saranno meno risorse con cui operare. Infatti quasi l’83 %  dei musei ridurrà la programmazione. Previsto inoltre un forte taglio del personale, confermato, purtroppo, dal fatto che il 20% dei lavoratori dei musei ha perso già il lavoro.

Aggravante, secondo l’Unesco, oltre a una riduzione del turismo internazionale, la crisi economica porterà a un minore sostegno da parte dei donatori, che rappresenta dal 5% al ​​100% dei budget di alcuni musei.

I  FREELANCE

La situazione più allarmante è per la categoria dei professionisti freelance. Il 16,1% degli intervistati ha dichiarato di essere stato temporaneamente licenziato e al 22,6 % non gli è stato rinnovato il contratto.

L’UNESCO

Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO, ha dichiarato che “È urgente rafforzare le politiche a sostegno di questo settore, che svolge un ruolo essenziale nelle nostre società per la diffusione della cultura, dell’istruzione, della coesione sociale e del sostegno all’economia creativa“.

L’ICOM

Siamo pienamente consapevoli e fiduciosi nella tenacia dei professionisti dei musei per affrontare le sfide – ha dichiarato il presidente dell’ICOM Suay Aksoy in una nota- . Tuttavia, il settore museale non può sopravvivere da solo senza il sostegno del settore pubblico e privato. È indispensabile raccogliere fondi di emergenza e mettere in atto politiche per proteggere i professionisti e i lavoratori autonomi con contratti precari. ”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.