Museo Regionale di Messina scaccia la crisi: 40 mila visitatori nel 2017 :ilSicilia.it
Messina

Oltre 700 le opere distribuite nei percorsi

Museo Regionale di Messina scaccia la crisi: 40 mila visitatori nel 2017

di
23 Dicembre 2017

Bilancio annuale positivo per il Museo Regionale Interdisciplinare di Messina. Quando si è ormai alla conclusione del 2017 sono stati conteggiati nell’arco dei dodici mesi ben 40.000 visitatori. Ingressi aumentati in termini significativi durante l’estate, a seguito della conclusione dei lavori di ristrutturazione e adeguamento tecnologico. Il picco massimo di 1.000 visitatori si è raggiunto nel corso delle domeniche a ingresso gratuito. Lo scorso 17 giugno, con oltre 3.500 messinesi presenti al taglio del nastro, si è celebrata l’apertura integrale del Museo, che adesso può contare su 4.500 mq di spazio espositivo. Obiettivo raggiunto, quindi, per l‘Assessorato Regionale dei Beni Culturali e per la direzione del Museo Regionale di Messina che, in occasione del varo dei primi spazi museali (2000 mq), il 9 dicembre 2016, avevano espresso la volontà di portare a termini i lavori di rinnovamento della struttura. Il dato delle 40 mila presenze del Museo rappresenta in modo simbolico anche un risultato che scaccia la crisi, almeno in questo contesto, mentre Messina continua a vivere un momento complessivamente difficile.

Gli interventi di adeguamento tecnologico e di integrazione e completamento dell’allestimento sono iniziati nel 2013 e hanno portato, nel corso di quest’anno, non solo a rendere il sito fruibile e sicuro, ma anche a conseguire la certificazione finale del comando dei vigili del fuoco. La struttura, inoltre, adesso dispone di sofisticati sistemi di climatizzazione e di allarme. Grazie all’implementazione delle superfici espositive l’offerta è finalmente commisurata all’effettiva entità del patrimonio custodito dalla struttura (oltre 700 le opere distribuite nei percorsi archeologico e medievale moderno dal III sec. a.C alle soglie del XX) e come è stato rilevato dai media e le autorità internazionali del settore (Salvatore Settis, Sylvain Lavaissiere, Conservatore del Louvre, Daniel Weiss, Presidente e CEO del Metropolitan Museum di New York fra gli altri) venuti in visita si apparenta alle più importanti realtà museali anche per la qualità cosmopolita della raccolta.

Di grande interesse anche la contestuale riconversione della sede storica della Filanda adibita ad eventi temporanei, suggellata dal successo della mostra, conclusa il 5 marzo scorso, Mediterraneo Luoghi e Miti Capolavori del Mart, fra le più significative rassegne d’arte moderna e contemporanea mai realizzate in Sicilia, mentre la serie di iniziative di grande attrattività come l’adesione alle Vie dei Tesori (23 settembre), alla giornata del Famu (8 ottobre), alla giornata Arte & Scienza Arar, il rapporto produttivo con le scuole attraverso il corso di aggiornamento per i docenti e le guide, dedicato nel 2017 a “Il clima culturale intorno alla figura di Antonello da Messina”, i tanti progetti di alternanza scuola lavoro, i tirocini universitari, la speciale attenzione per i fruitori diversamente abili attraverso accordi con le Associazioni messinesi impegnate nel sociale, la concessione dei locali per manifestazioni di grande prestigio hanno contribuito ad una crescente affermazione della struttura, meta sempre più privilegiata negli itinerari turistico culturali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin