Musica: a Palermo torna il Beat-Full Festival | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

DAL 3 AL 7 SETTEMBRE

Musica: a Palermo torna il Beat-Full Festival | FOTO

27 Agosto 2019

Dal 3 al 7 settembre torna il Beat-Full Festival – il festival di musica underground –  ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo. L’evento musicale, giunto alla settima edizione, sarà articolato su cinque giorni di eventi che vedranno una commistione ‪tra musica, cinema, performance audio visive e mostre, senza trascurare i bambini con delle aree esclusivamente dedicate a loro. Quest’anno infatti il festival va oltre una semplice line up di icone musicali e regala alla città un Village pieno di occasioni culturali.

Un format inedito, come dichiarato dagli stessi organizzatori: “Abbiamo voluto creare due festival paralleli che abbracciassero un pubblico ancora più ampio ed eterogeneo. Abbiamo mantenuto il buono fatto negli anni passati e quindi confermato la rassegna musicale con quelle che sono tra le migliori band in tour, e contemporaneamente abbiamo voluto allargare il campo d’azione per regalare alla città un’altra esperienza di festival ad ingresso totalmente gratuito che dialogasse con gran parte delle realtà presenti dentro i Cantieri della Zisa“.

Alcuni rappresentanti della scena musicale italiana e internazionale si alterneranno sul palco denominato Dolly Noire Stage con gli artisti locali, quelli che si stanno conquistando un posto di rilievo nel panorama Indie, del Rock, dell’Elettronica e dell’Hip Hop italiano.

All’evento saranno presenti: ‪Tre Allegri Ragazzi Morti‬, ‪Fast Animals And Slow Kids‬, Speranza, ‪Crookers‬, Dimartino, ‪Murubutu‬, Alessio Bondì, Manudigital, Cacao Mental, Symbiz, JuJu e Party.

La novità di quest’anno è rappresentata dunque dal Village, un area all’aperto e dall’accesso gratuito dove si concentreranno i concerti e i dj set sul palco del “Good Fellas Stage“. Tra i tanti che calcheranno questo palco ci sono: Edda, Forelock, Veivecura, Go-Dratta, Rockstone, Era Serenase, Paola Russo, Aurora D’Amico, Jerusa Barros, Avenir, 1999 e molti altri.

Per questa edizione gli organizzatori puntano a consolidare il rapporto sinergico con le varie realtà che popolano gli spazi dei Cantieri: Spazio Franco, Cre.Zi Plus e Cantiere Cucina, Haus der Kunst, Nuove Officine Zisa, Legambiente e Schenè, che non sono dei semplici collaboratori ma sposano con entusiasmo la visione del festival ed ospiteranno gran parte delle attività culturali previste nel palinsesto.

Quest’anno si è voluta dedicare inoltre particolare attenzione alle famiglie, con un’area dedicata completamente a loro, un apposito luogo con giochi, laboratori musicali e spettacoli, il tutto fruibile già dalle 17:00 e sino alle 23:30 per consentire ai più piccoli un primo approccio alla musica e ai più grandi la possibilità di viversi un evento culturale di ampio raggio studiato sulle esigenze dei genitori.

Un’importante e prestigiosa collaborazione con l’Accademia di Belle Arti ha portato all’allestimento di una mostra audio visiva negli ambienti del Haus der Kunst, il progetto “Still” è a cura del Verein Düsseldorf Palermo e vedrà le opere degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Palermo coordinati dai docenti del dipartimento di progettazione e arti applicate. La mostra sarà visionabili a partire da martedì 3 dalle 18:00 alle 22:00.

Da Cre.Zi Plus nei pomeriggi dal 3 al 7 settembre sarà proposta una rassegna cinematografica curata dal Seeyousound – international Music Film Festival. Quattro giorni dove verranno proposti, film, documentari e cortometraggi in lingua originale che ruotano tutti attorno alla musica.

Negli ambienti di Spazio Franco verrà ospitata la rassegna Beat Full Off, performance audio video che partiranno al termine delle esibizioni dei due palchi e che chiuderanno le programmazioni giornaliere. L’organizzazione del festival è affidato alla ATS Beat Full.

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco