21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.15
Palermo

sabato 23 febbraio

Musica, allo Spasimo il duo Vossa per la prima volta live a Palermo

14 Febbraio 2019

Per la prima volta a Palermo, in un’esibizione live, il duo Vossa presenterà, in esecuzione live, nei nuovi locali dello Spasimo, Salone sopra le mura, i loro brani inediti.

Vossa

L’appuntamento, curato da St’orto , è per sabato 23 febbraio presso la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo; qui il duo elettronico, nato dall’incontro fra il producer e dj palermitano Gaetano Dragotta e il cantante poli-strumentista anglo-siciliano Sergio Beercock, proporrà una performance a metà fra un concerto e un dj-set:Accompagneremo l’audience in un luogo dove la musica diventa un’esperienza fisica – dichiarano gli artisti – dove il canto e lo strumento popolare fioriscono in mezzo a ciminiere e bidoni”.

La minimal-techno di Dragotta e le suggestioni world e gospel di Beercock si incontrano per dar vita ad una esibizione particolare a cui si aggiungono le installazioni visuali di ‘Odd Agency’ che, attraverso le proiezioni di light design, daranno vita ad ulteriori suggestioni sensoriali.

La serata fa parte del progetto St’art che, per la seconda edizione, vede come protagonista il duo Vossa.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.