Musica: "Andata e Ritorno", il secondo album dei Tre Terzi da giugno in distribuzione fisica | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Già disponibile in digital download

Musica: “Andata e Ritorno”, il secondo album dei Tre Terzi da giugno in distribuzione fisica | VIDEO

di
22 Maggio 2018

 

Uscirà il 5 giugno nei negozi tradizionali, distribuito da IRD, il secondo disco registrato in studio dei Tre Terzi dal titolo Andata e Ritorno”.

Un concept album che racconta di un viaggio, di tutto quello che accade tra un’andata e un ritorno, tra un battello, le lampare, una tempesta in attesa di “chi ci salverà”.

Già disponibile in tutte le piattaforme digitali, distribuzione Tunecore, e prodotto da Patridà Records con la produzione artistica di Pierpaolo Latina presso MCN STUDIO di Lello Analfino, l’album presenta 13 tracce più una bonus track.

Andata e Ritorno – spiega Claudio Terzo –  è un disco concepito per essere ascoltato dall’inizio alla fine d’un fiato, concendendosi quei 50 minuti di pausa da questa vita che ci fa correre ogni giorno”.

L’uscita è stata anticipata dal singolo “Chi ci salverà”, accompagnato dal videoclip, già in rotazione nelle radio.

Tre Terzi

Il primo brano del disco della band palermitana formata da Claudio Terzo (chitarra elettrica e acustica, ukulele, voce), Ferdinando Moncada (chitarra elettrica e acustica, pedal steal, dobro, Armonica e voce), Nicola Liuzzo (batteria e voce) e Diego Tarantino (basso, contrabbasso, flicorno e voce), è “Andata”, che raffigura l’uscita da un porto piena di speranza e curiosità.

Dopo le emozioni negative de “Il Club”, arriva la sensazione di rinascita che ogni viaggio porta con sé (“Respirerò”), percezioni che aprono il cuore all’arrivo di un vero amore (“Il Caffè”) e al coraggio di cambiare (“Cambierà”).

A metà del viaggio, la titletrackAndata e Ritorno”, racconta il tormento della ripetitività di un traghettatore che ogni giorno percorre sempre la stessa tratta di 12 minuti.

Dopo “E non sai perché”, arriva “Tempesta”, un momento di confusione e di allarmismo generale che arriva esattamente a metà disco, in attesa di “Chi ci salverà”, metafora del vivere quotidiano.

Poco dopo è la volta di “Mille Rose”, il personale inno della band alla musica in “Tra corde e caffè”. Ne “Il battello dei sogni” si fa riferimento alla figura di un padre, il primo vero amico, la prima persona su cui riponiamo ogni speranza, mentre in “Lampare” arriva fortissimo il contrasto tra l’amore e la guerra.

Il disco giunge al termine con “Ritorno”, un pacifico rientro al porto dopo miglia di navigazione, di pensieri e di ricordi.

Piantalapianta”, infine, è la bonus track che parla di un mondo che stenta a respirare soffocato dal cemento.

I Tre Terzi nascono a Palermo nel 2009 dall’amicizia tra Terzo e Moncada, band che si completa con Nicola Liuzzo alla batteria. Muovono i primi passi nel cuore del Centro Storico del capoluogo dove i locali iniziavano ad aprire le porte alla musica dal vivo, diffondendo un rinnovamento della cultura live di cui i Tre Terzi sarebbero presto diventati punto di riferimento per il pubblico palermitano.

Nel frattempo ai tre si unisce l’inseparabile quarto/terzo Diego Tarantino al basso, oltre a un nugolo di musicisti satellite come il polistrumentista Ugo Perricone, o i sassofonisti Michele Mazzola e Claudio Giambruno.

La personalità dei Tre Terzi, rappresentata da un’alchimia emotiva che si traduce in una capacità di coinvolgimento del pubblico durante i live , li porta a calcare decine di palchi in Sicilia e in Italia insieme, tra gli altri, a Niccolò Fabi, Alberto Fortis, Lello Analfino, Giuseppe Milici, Gareth Brown, Red Ronnie.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin