Musica classica, le composizioni di Bach all'oratorio di Santa Cita a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Lo spettacolo il 19 gennaio

Musica classica, le composizioni di Bach all’oratorio di Santa Cita a Palermo

di
15 Gennaio 2019

Si svolgerà il 19 gennaio presso l’oratorio di Santa Cita, a Palermo, il concerto, organizzato da MusicaMente, con le composizioni di Johann Sebastian Bach. A partire dalle 21, si esibiranno Victoria Melik, violino barocco, e Basilio Timpanaro, clavicembalo.

Le sei Sonate per violino e cembalo BWV 1016-1019, composte da Bach negli anni di Cöthen (1717-23), costituiscono uno di quei cicli organici (ciascuno di sei brani) in ognuno dei quali il musicista compie una esaustiva esplorazione delle potenzialità tecniche ed espressive di uno strumento o di un gruppo di strumenti.

In particolare, a differenza della tradizionale sonata barocca per violino e basso continuo in cui è lo strumento ad arco a svolgere la funzione solistica, nelle sei Sonate BWV 1016-1019 Bach crea, per primo, la Sonata per cembalo obbligato o concertato, una struttura musicale moderna in cui alla mano destra del cembalo viene affidata una parte già scritta per esteso, a differenza del basso continuo, con funzione solistica alla pari del violino. Il risultato complessivo è simile ad una triosonata, in cui la parte “obbligata” della mano destra sostituisce un secondo strumento melodico.

Queste sonate possono certamente essere annoverate “tra i più alti capolavori strumentali bachiani”, come già riconosceva J.N. Forkel nella sua fondamentale biografia dell’Autore (1802), aggiungendo che “la parte di violino richiede un vero Maestro; Bach conosceva le potenzialità dello strumento e le ha risparmiate così poco così come ha fatto con quelle del cembalo”.

Accanto alle sei sonate per violino e cembalo concertato Bach ne scrisse due (una terza, la BWV 1020, è invece ormai attribuita con certezza al figlio Carl Ph. E.), per violino e basso continuo; si tratta di due perle musicali altrettanto sublimi, per quanto spesso trascurate a vantaggio delle sei “sorelle” più conosciute, di cui ascolteremo stasera quella in mi minore (BWV 1023).

Il costo dei biglietti per lo spettacolo ammonta a 12 euro, 8 quello ridotto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.