Musica e ripartenza per Palermo, The Brass Group promuove la seconda stagione "Spasimo 2021" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

La stagione concertistica è pronta

Musica e ripartenza per Palermo, The Brass Group promuove la seconda stagione “Spasimo 2021” | VIDEO

di
15 Giugno 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Al via la seconda stagione della rassegna “Spasimo 2021-Musiche di una nuova alba”, presentata dalla Fondazione The Brass Group presso il Real Teatro Santa Cecilia, a Palermo. E come diceva Tullio Cicerone “Una vita senza musica è come un corpo senza anima”.

E si ritorna con un cartellone gremito di concerti, da giugno a settembre in una atmosfera di ripartenza e all’insegna della buona musica dal vivo. Dopo i devastanti effetti della pandemia, gli artisti sentono più che mai il desiderio di tornare sul paco, di esibirsi, trasmettere le emozioni al proprio pubblico.

Tanti i nomi che si susseguiranno nella rassegna che anche quest’anno raggruppa la volontà delle maggiori istituzioni musicali della città di Palermo: la Fondazione Teatro Massimo, la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, il Conservatorio Alessandro Scarlatti, l’Associazione Siciliana Amici della Musica e la Fondazione The Brass Group – Orchestra Jazz Siciliana che con le proprie strumentazioni tecniche, gli arredi e i propri impianti, ha promosso l’iniziativa.

La cultura è un bene da promuovere e fa da volano per il turismo, crea sviluppo economico “Dopo il successo dello scorso anno, un evento straordinario per la cultura ed attrattiva turistica. Alcuni dei principali attori della musica regionale saranno uniti nello splendido scenario dello Spasimo per affermare ancora una volta come la cultura sia vita e volano anche per il settore del turismo. Ed è proprio nel settore della musica e della cultura che il governo regionale ha fatto tanto in termini di investimenti non solo economici, ma anche quale asse di sviluppo turistico della Sicilia”, ha detto Manlio Messina, assessore regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo, intervenendo in video chiamata durante la presentazione della stagione concertistica.

“Con l’eccellenza del Brass Group torna a vivere la cultura in un luogo anch’esso di eccellenza, grazie alla collaborazione con le principali istituzioni musicali e artistiche della nostra città. Il complesso monumentale dello Spasimo, a conferma della ripresa delle attività artistiche che è anche ripresa della vita sociale, torna ad ospitare una manifestazione di altissimo livello, con tanti artisti fra i principali del panorama nazionale e che darà voce a culture artistiche e musicali diverse. Una conferma della ripresa di un cammino che ha visto le culture come assi importanti del cambiamento di Palermo”, ha dichiarato Leoluca Orlando, sindaco della Città Metropolitana di Palermo.

Interviene sull’iniziativa anche l’assessore alla cultura del Comune di Palermo, Mario Zito “La manifestazione Spasimo 2021 è uno degli importanti appuntamenti che contribuiranno a rendere sempre più visibile il progetto culturale della città. Non posso non fare un riferimento alla peculiarità di questa iniziativa, modello da riproporre. La pandemia ci ha spronato a stare il più possibile uniti, considerati i risvolti sociali. Abbiamo fatto dei tavoli di lavoro grazie al quale siamo qua oggi, ognuno col proprio contributo. La cultura è fra i beni primari della nostra società elemento di coesione sociale. Occorre un protocollo d’intesa per istituzionalizzare questo evento, ci vuole progettualità, la cultura va progettata con largo anticipo”.

Con il decrescere della curva epidemiologica, sarà possibile realizzare concerti in presenza di musica classica, jazz e non solo: rinascita  voglia di tornare ad un’agognata normalità sono elementi imprescindibili. Così la musica abbandona gli schermi del web, la rete era diventata la sede principale delle attività culturali per non soccombere alla crisi imposta dall’emergenza sanitaria da Covid 19.

Il sipario della stagione concertistica “Spasimo 2021-Musiche di una nuova alba” si aprirà con un’anteprima dedicata al Maestro Ennio Morricone, u atto d’amore in musica verso il premio Oscar, autore delle colonne sonore più belle del cinema, italiano ed internazionale, per accogliere il pubblico che, nonostante le 4 repliche aggiunte a quelle programmate, non riuscì a trovare i biglietti per il successo ottenuto lo scorso anno con ben 4 sold out.

La stagione allo Spasimo viene replicata per il secondo anno di seguito, con un’anteprima il 25 giugno per proseguire sino al 29 settembre, una full immersion di suoni e musiche, un evento che aggrega le Istituzioni regionali e culturali del capoluogo siciliano. E’ il primo evento esitato dal nuovo Cda del The Brass Group, a cui si aggiungono, per la Regione, il vicepresidente Raoul Russo ed i consiglieri Ignazio Buttita e Gandolfo Librizzi nominati dagli eredi dei soci fondatori Luigi Giuliana e Manlio Salerno. All’interno del programma anche due preview del Sicilia Jazz Festival.

Ampi spazi ad accogliere gli spettatori amanti della musica d’eccellenza, garantendo concerti partecipati, all’insegna dell’aggregazione sociale, anche se ancora a numero limitato , perché non dimentichiamo che la tutela della salute passa ancora dall’adozione delle misure di contenimento del potenziale contagio.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin