Musica: Eva Schubert, la nuova stella del panorama jazz | INTERVISTA :ilSicilia.it

Musica: Eva Schubert, la nuova stella del panorama jazz | INTERVISTA

di
1 Settembre 2019

Definirei il mio stile come “sensuale”. Alcuni cantanti sono dolci, alcuni cantano alto, altri sono giocosi e altri sono ghiaiosi“. Così Eva Schubert, cantautrice canadese ed astro nascente della musica jazz internazionale, descrive il proprio stile canoro. Nata a Vancouver, la cantante d’oltreoceano utilizza uno stile canoro molto particolare, ispirato a grandi della musica quali ad esempio Ella Fitzgerald, Billie Holiday,Nina Simone e ad icone del blues quali Etta James.

Eva Schubert, benvenuta e grazie per aver accettato il mio invito. Sei un cantante jazz molto famosa in Canada e negli Stati Uniti. Come vuoi presentarti ai nostri lettori italiani? Chi è Eva Schubert, cantante e compositrice jazz?

Sono una cantautrice ispirata al jazz classico dell’era di Louis Armstrong ed Ella Fitzgerald. Quella è stata la musica che mi ha fatto innamorare del jazz, e rimane il genere di musica che mi piace ascoltare maggiormente. Quando scrivo canzoni, provo a catturare lo stesso senso di melodia, di strumentazione e di testi memorabili.

Eva Schubert
Eva Schubert – Ph. Adriano De Carli

Quando hai capito di possedere il tuo talento come cantante jazz e compositrice? Qual è la tua storia artistica che vorresti raccontare ai nostri lettori italiani?

La cosa divertente è che ho iniziato a fare musica inaspettatamente. Sono cresciuta con la musica e il canto, ma ho fatto pochissimo studio accademico. Sono andata all’università per imparare qualcosa di sensato che mi avrebbe portato ad un lavoro affidabile. Tuttavia, il fascino della musica mi ha sempre chiamato. Avrei potuto scrivere testi ma non pensavo di poter fare musica. Ho letto la biografia di un poeta e cantautore che avevo sempre ammirato: Leonard Cohen. Come me, aveva iniziato con un’educazione sobria e pratica, ha scritto poesie e poi ha iniziato a fare musica. La sua musica è ciò per cui la gente lo ricorda maggiormente. Mi ha ispirato. Poi una mattina stavo pensando ad alcuni testi mentre mescolavo una pentola di farina d’avena, e improvvisamente ho cominciato a sentire la musica per quelle parole che avevo in mente. Mi sono precipitata sul mio computer per registrare la melodia prima che svanisse, e da quel momento in poi è stato come se nella mia testa mi fosse stato attivato un rubinetto. Da quel momento potevo sentire la musica ogni volta che componevo dei testi. La cosa che è successa dopo, naturalmente, è stata convincermi che avrei potuto cantare ed essere abbastanza audace da farlo in pubblico. Le mie prime volte sono state terribili, ma più l’ho fatto, più è diventato facile. Ho continuato a lavorarci da allora.

Qual è stata la tua formazione artistica e professionale? Come sei diventata un’importante cantante jazz?

Una volta che ho iniziato a scrivere canzoni, sapevo che dovevo imparare di più sul canto. Ho preso lezioni con Kate Hammett-Vaughan, che è un cantante jazz di Vancouver. Mi ha insegnato molto sulla respirazione e l’intonazione e su come offrire musica vocalmente. Naturalmente, i cantanti continuano a esercitarsi e ad imparare per sempre.

Chi sono stati i tuoi maestri? Gli artisti da cui hai imparato di più.

Ascoltare Ella Fitzgerald mi ha insegnato molto sullo stile del canto jazz. La chiarezza della sua voce, il modo in cui puoi sentire il suo calore e sorridere nel suono che produce, e le sue armonie, gli scatti, mi hanno insegnato la maggior parte di ciò che so della voce jazz. Canto ancora insieme alle sue registrazioni. Ho anche imparato da Billie Holiday e ho trascorso molto tempo ad ascoltare Natalie Cole. Etta James è anche una delle mie preferite. La sua voce blues ringhiante e sexy è indimenticabile.

Come definiresti il tuo stile di interprete? C’è qualche cantante che ti ispira?

Definirei il mio stile come “sensuale”. Alcuni cantanti sono dolci, alcuni cantano alto, altri sono giocosi e altri sono ghiaiosi. Penso che Julie London e Diana Krall siano eccellenti esempi di jazz sensuale.

Quali sono le canzoni che ami di più e cosa suoni durante i tuoi concerti?

Molte sono canzoni di jazz classico che per me sono senza tempo. Dipende se devo tenere un concerto in cui le persone vogliono ballare o semplicemente sedersi e ascoltare. “Autumn Leaves” e “Summertime” sono due delle mie canzoni preferite di tutti i tempi. Adoro anche “Misty” e “They Can’t Take That Away From Me”.

Vuoi parlare del tuo ultimo lavoro? Quali sono i tuoi dischi che ami di più?

Sto per lanciare un nuovo Album che uscirà a settembre. Si chiama “Hot Damn Romance”: una raccolta di 5 nuove canzoni che ho registrato con alcuni musicisti eccellenti all’inizio di giugno. Sono tutte canzoni originali che vedono protagonisti strumenti quali la tromba, la chitarra, il basso e un incredibile batterista.

Chi sono secondo te i migliori cantanti jazz con cui vorresti lavorare? E perché loro?

Oggi ci sono molti cantanti jazz fantastici. In Canada abbiamo Michael Buble, con il quale mi piacerebbe lavorare. Anche Mario Biondi ha uno stile scintillante. Il cantante lirico italiano Andrea Bocelli mi ha ispirato da quando ho conosciuto per la prima volta la sua musica. Fa anche collaborazioni al di fuori dell’opera. Sarebbe un sogno.

Eva Schubert
Eva Schubert – Ph. Aubrey Trotter

E i compositori? Chi sono secondo te i migliori a livello internazionale in questo momento?

Amo le colonne sonore di Ennio Morricone, in particolare “C’era una volta in America”. Ludovico Einaudi è anche molto noto qui.

Conosci importanti e buoni musicisti e compositori jazz italiani? Se sì, chi sono e cosa apprezzi di loro?

Mi piace l’approccio ai classici del jazz che musicisti come Enrico Intra e il Trio di Guido Manusardi hanno mostrato. Anche Renato Sellani e Franco Ambrosetti sono fantastici. La chitarra jazz di Dario Chiazzolino e il contrabbasso di Silvia Bolognesi che recentemente hanno suonato in Canada.

Cosa ti piace della musica italiana?

Il romanticismo! Conosco il suo cliché, ma il tema della colonna sonora “Il Padrino” di Nino Rota mi ha affascinato dalla prima volta che l’ho sentito. E poi le voci dei Rat Pack, Dean Martin, Frank Sinatra, che a volte hanno preso delle canzoni italiane o hanno dato loro quel sapore con il quale hanno creato il loro jazz.

Nel grande frontale del “Teatro Massimo” di Palermo, la mia città, c’è un’iscrizione, che recita così: «L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano della scene il diletto ove non miri a preparar l’avvenire». Cosa ne pensi di questa frase? L’arte e la bellezza servono davvero a qualcosa nella nostra società contemporanea? E se sì, a cosa serve l’arte della musica?

Penso che sia una bella citazione, e anche molto vera. Il miglior piacere viene dalle cose che durano più a lungo dal momento in cui si verificano. La bella musica, la poesia e la letteratura sono così. Fanno fermare e meravigliare il loro pubblico e vivono nella loro mente per molto tempo dopo che sono stati vissuti per la prima volta. Arte e bellezza sono ancora oggi così. Sono più difficili da trovare in un mondo di emozioni istantanee e di scorrimento infinito sui nostri smartphone, ma quando incontri qualcosa di veramente sostanziale e bello, ti fa fermare e riflettere – e forse anche ricordare. Ti spinge più a fondo nel vero significato della vita.

A Palermo, la mia città, abbiamo un’antica e importante tradizione jazz con molti musicisti e compositori di talento. Dagli anni Settanta l’Orchestra Jazz Siciliana porta avanti la musica e la cultura jazz con grandi successi nazionali e internazionali. Ti piacerebbe fare un concerto con loro? Conosci quest’orchestra e la sua storia?

Mi piacerebbe assolutamente fare un concerto con loro. Non so molto della loro storia, ma le orchestre semplificano la profondità musicale, e i suoni delle grandi band creano il miglior jazz classico. Cantare jazz con un’orchestra sarebbe incredibile.

Quando verrai in Italia per un tour di concerti? Se sì, quando e dove farai i tuoi concerti in modo che i nostri lettori possano venire ad ascoltare le tue bellissime canzoni?

Sono stata in Italia – a Milano e Pavia – la scorsa estate. Ho conosciuto alcuni musicisti italiani fantastici con i quali ho suonato e mi sono divertita moltissimo. Sarebbe un piacere tornare in Italia e cantare per dei concerti. Ho semplicemente bisogno di partner musicisti jazz italiani per realizzare un tour. Accolgo con favore i tuoi suggerimenti!

Un’ultima domanda Eva, cosa vuoi dire ai nostri lettori per terminare questa intervista?

Una cosa che ho imparato è che bisogna sempre trovare il tempo per fare le cose che ami. La musica è decisamente così per me e mi riempie di gioia. Trova le cose che ti fanno sentire così e costruiscile nella tua vita con regolarità.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.