Musica: Il Brass group lancia un appello per creare un archivio storico :ilSicilia.it
Palermo

per recuperare la memoria vissuta a palermo

Musica: Il Brass group lancia un appello per creare un archivio storico

di
13 Giugno 2020

La Fondazione the Brass Group vuole ampliare gli “archivi musicali del secondo novecento” e fa un appello agli amanti della musica.

Si sa che il Jazz è nato in Sicilia e recuperare la memoria vissuta è importante per la società e la cultura. La musica è una fonte di informazioni storiche, un prezioso strumento per la ricostruzione di avvenimenti, usanze ed emozioni.

L’appello

Durante gli oltre quattromila concerti, giornalisti, fotografi e amanti della musica hanno sempre documentato gli eventi che hanno permesso una raccolta testuale e fotografica importante.

Ed è a questi che il Centro Studi della fondazione si rivolge e attiva una richiesta spontanea aperta a tutti coloro che abbiano conservato, raccolto, ereditato, ritrovato foto, video, poster, registrazioni sonore e autografi relativi alle attività concertistiche realizzate tra il 1974 e il 2014.

Per ogni donazione o prestito temporaneo, in accordo con l’ufficio biglietteria, il Brass metterà a disposizione un biglietto per assistere ad un concerto.

Il Brass Group

Istituito nel 1974 da Ignazio Garsia  come gruppo di ottoni ,  è l’unico ente italiano di produzione di musica jazz. La sua “Orchestra Jazz Siciliana” è una delle più importanti al mondo.

Il Brass Group ha permesso di arricchire culturalmente l’ Isola con i suoi innumerevoli spettacoli, ospitando i maggiori protagonisti della storia della musica afroamericana.

L’archivio

Molte performance  sono state registrate per gli “Archivi sonori” della fondazione, ma solo un decimo è stato digitalizzato per la fruizione.

Il Brass ha già attivato l “Archivio fotografico” grazie alla donazione delle immagini di Luigi Giuliana con pellicole in bianco e nero e di Lucio Forte in digitale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin