15 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

quattro giorni di incontri e show case

Musica, il palermitano Alessio Bondì al Festival di Groningen in Olanda

14 novembre 2018

Il dialetto palermitano non conosce confini e arriva in Europa con Alessio Bondì, che rappresenterà l’Italia in uno degli appuntamenti musicali più importanti d’Europa: L’Eurosonic Festival di Groningen in Olanda. Un’occasione ghiotta, quattro giorni di festival, incontri e show case dove si riunisce l’industria musicale di tutta Europa e dove il cantautore siciliano presenterà il suo secondo album, la raccolta di nove canzoni “Nivuru” prodotto da Fabio Rizzo e uscito il due novembre per 800A Records, etichetta indipendente palermitana che sta fortemente puntando alla promozione estera dei suoi artisti tra cui Fabrizio Cammarata, Aurora D’Amico e Sergio Beercock.

Foto di Valentina Glorioso

Alessio Bondì “Suonare su un palco così importante è un’emozione molto forte. Credo che cantare in dialetto non sia un limite ma anzi sia uno strumento per alimentare la curiosità nei confronti della nostra lingua e della nostra cultura.”

Nìvuru“ che tradotto letteralmente significa “Nero” è il risultato di un’immersione totale negli stimoli musicali che affondano le radici in Africa: dal Blues alla musica Capoverdiana, dall’Afro-funk alla Musica Popular do Brasil. Un viaggio dentro la potenza della Sicilia, tra ritmi vivaci e sospensioni improvvise.

Un artista unico nel nostro panorama nazionale che è riuscito ad imporsi anche all’estero con il suo coraggio e la sua personalità. L’appuntamento per il lancio ufficiale del secondo disco è giovedì 15 novembre alle 18.00 alla Feltrinelli di Palermo. Per il nuovo spettacolo live bisognerà invece attendere il periodo natalizio con l’esibizione al teatro biondo di Palermo il 2 Gennaio, il 27 dicembre al teatro Piccolo di Catania e il 23 dicembre al Retronouveau di Messina.

Foto di Valentina Glorioso

Il tour all’estero che da ottobre lo ha visto impegnato nelle capitali europee e che ha reso possibile anche la partecipazione all’Eurosonic 2019 vede il supporto dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” di SIAE e Mibact.

BOX DATE

15 novembre ore 18 – presentazione alla Feltrinelli di Palermo, intervista e mini-live condotta da Tancredi Bua (Giornale di Sicilia)

23 dicembre – live con band a Messina @ Retronouveau

27 dicembre – spettacolo teatrale “Nivuru” @ Teatro Piccolo, organizzato da MIT Musica Intrattenimento Teatro

2 gennaio – spettacolo teatrale “Nivuru” @ Teatro Biondo, Palermo

BOX DISCO

Un lavoro frutto del vissuto e di tutti gli ascolti sedimentati a partire dal suo primo lavoro “Sfardo”. “Nivuru” è un disco luminoso, un cesto di frutta matura, un tripudio di ombre e colori.
Da sempre, infatti, il nero ha assunto un significato ambivalente, di eleganza o lutto, prosperità o abisso ma, scientificamente, si manifesta perché non respinge nessuna luce: le assorbe tutte senza rilasciare alcun colore.

La tracklist è la narrazione di un viaggio dentro la freschezza e la sensualità della Sicilia “Sento bollire la Sicilia nel sudore provocato dal contatto con l’altro – racconta il cantautore- nell’inclusione della morte nel sesso, nel senso di festa e di colpa, in un’emozione dolce e violenta”

Dal funk alla musica brasiliana il sound di “Nivuru” è un lavoro articolato, ricco di percussioni e arrangiamenti sorprendenti, senza togliere spazio a momenti in cui la chitarra e la voce vellutata di Bondì si accaparrano totalmente la scena.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il ragazzo con la valigia

Non era più l’istruzione a far da discriminante nel mettere le valige in mano ai giovani. Era l’ottusità di certe politiche e l’incapacità di questa terra nel costruire un futuro migliore a spingere i giovani ad andare via.