Musica in lutto: è morto Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh :ilSicilia.it

La carriera e le parole degli amici

Musica in lutto: è morto Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh

di
7 Novembre 2020

“Stefano ci ha lasciato!”. E’ tramite social che arriva la notizia della scomparsa dello storico batterista dei Pooh Stefano D’Orazio. Anche lui vittima del Covid-19.

Era ricoverato da una settimana e per rispetto non ne avevamo mai parlato – spiega l’amico e collega Roby Facchinetti su Facebook -. Oggi pomeriggio, dopo giorni di paura, sembrava che la situazione stesse migliorando… poi la terribile notizia”.

“E’ stato Ucciso dal Covid, devastante saperlo morire da solo“, aggiunge il chitarrista Dodi Battaglia.

Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa. Preghiamo per lui. Ciao Stefano, nostro amico per sempre”,  si legge nel post firmato insieme dagli altri componenti del gruppo, Roby Facchinetti, Red Canzian, Dodi Battaglia, Riccardo Fogli.

LA CARRIERA

Stefano D’Orazio, oltre ad essere uno dei migliori batteristi italiani, era anche un polistrumentista, compositore, autore e scrittore.

Nato a Roma il 12 settembre 1948, muove i primi passi da batterista nei The Kings, poi The Sunshines e, da quel momento, una serie di incontri lo portano alla sua storica band.

Nel ’71, infatti, sostituisce Valerio Negrini  che “voleva lasciare il gruppo perché era stanco di fare lo zingaro”, ma lui racconta anche che “ero un po’ perplesso, facevo underground, ero capellone, ma poi scoprii che ci davano davvero dentro”.

Ha suonato con i Pooh per quasi quarant’anni, dal 1971 al 2009, e poi tra il 2015 e il 2016, quando il gruppo ha dato l’addio ai fan.

Negli anni di pausa dalla band Stefano non si era di certo fermato, anzi aveva dato una svolta alla sua carriera. Dopo anni di successi con il gruppo, infatti, si dedica ai musical.

Con “Aladdin“, “Pinocchio“, “Mamma mia!W Zorro“, Stefano D’Orazio diede gioia a grandi e piccoli nei più grandi teatri italiani.

Dopo 40 anni di lavoro volevo divertirmi. Mi rendevo conto dell’improbabilità di avere nuovamente successo. E invece sono arrivati i musical, il libro. Riempire una nuova agenda è stato un attimo“, dichiarò il musicista.

Tra il 2015 e il 2016, risale sul palco con i Pooh per la reunion nel cinquantennale della carriera e per dare l’ultimo abbraccio ai fan.

Lo scorso marzo, durante l’emergenza Coronavirus, scrisse per Roby Facchinetti il testo di “Rinascerò rinascerai“. Il brano era stato dedicato a Bergamo, una delle città più colpite dal virus, stesso virus che l’ha portato via dalle scene.

Addio Stefano!

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin