Musica & Legalità: tappa al Parco Archeologico di Selinunte con Carl Cox :ilSicilia.it
Trapani

dj di fama internazionale

Musica & Legalità: tappa al Parco Archeologico di Selinunte con Carl Cox

di
12 Agosto 2019

Al cospetto del Tempio di Hera, sull’acropoli che ospita i ruderi dell’antica città greca del Parco Archeologico di Selinunte, riconosciuto il più grande d’Europa, si esibirà sabato 17 agosto, a partire dalle ore 18, il dj di fama internazionale Carl Cox.

Carl Cox a Stonehenge
Carl Cox a Stonehenge

Unico ad aver suonato tra i megaliti neolitici del circolo di pietra più famoso al mondo, Stonehenge, patrimonio dell’umanità dell’Unesco e meta di pellegrinaggio per molti fedeli celtici e pagani, Cox sarà protagonista all’interno del progetto Musica & Legalità, ideato otto anni fa dalla testimone di giustizia Valeria Grasso.

Dopo Palermo seconda tappa sarà, appunto, Selinunte per poi toccare Roma, Milano e Torino.

Il luogo scelto per il progetto patrocinato dal Ministero della Salute non è casuale. Il comune di Castelvetrano, in provincia di Trapani, è infatti da sempre considerato roccaforte del boss latitante Matteo Messina Denaro, luogo simbolico da cui lanciare un messaggio di legalità, di lotta alle dipendenze e alla mafia, di cui Musica & Legalità è portavoce.

La droga è sempre stata un’importante fonte di reddito per la criminalità organizzata – spiega Valeria Grasso – Il mio progetto, che poi è il progetto dei tantissimi giovani e degli importanti artisti di fama internazionale che lo hanno sposato, ha l’ambizione di liberare le nuove generazioni da tunnel che portano solo alla morte”.

Così il messaggio di legalità, che dal palcoscenico di Selinunte conta di raggiungere giovani di tutto il mondo, correrà attraverso la musica e le consolle di alcuni artisti che incarnano in pieno lo spirito del progetto.

Ho sempre detto che la musica è la mia droga – ha dichiarato Carl Cox durante un’intervista – Sono sempre stato pulito. Se avessi assunto droghe oggi non sarei qui. Ho gusto per la vita e questo è ciò che mi rende quello che sono”.

Ad esibirsi al suo fianco ci saranno anche Nic Fanciulli, dj e producer più conosciuti del panorama inglese che, proprio insieme a Cox, è stato anche il protagonista di un party che ha fatto il giro dei cinque continenti; e poi Junge Junge, dj Vivona, Fabrizio De Santis e Gero.

Sempre nelle Cave di Cusa, proprio a pochi passi dal palco, sarà anche allestito il Village di Unlocked, dedicato a food, drink e relax con zone d’ombra, aree di rinfresco e ristoro per ascoltare la musica sin dal pomeriggio.

In occasione del festival, a Selinunte, tutto intorno al parco archeologico cambierà la viabilità. Il piano, messo a punto dalla Polizia Municipale, prevede l’accesso dei veicoli dalla S.S. 115 per chi proviene dalla A 29 e dalla via Cavallaro per quelli che provengono dalla provincia di Agrigento, tra Menfi, Sciacca e Ribera. Le aree di parcheggio verranno indicate dalla Polizia Municipale e il flusso veicolare verrà indirizzato verso la via Cavallaro, strada panoramica che verrà utilizzata come area parcheggio insieme alla via Pindaro e alla via Pitagora. Ai pullman sarà riservata l’area intorno alla via Persefone, proprio di fronte Agorazein.

L’evento, che ha il patrocinio della Regione Siciliana e del Comune di Castelvetrano, è stato realizzato in sinergia con il Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa; la direzione artistica del progetto è di Unlocked, in collaborazione con Record Eventi e con il supporto di Adp Management.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.