23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

L'appuntamento il 24 novembre

Musica, Roberta De Gaetano con il suo primo singolo alla Fabbrica 102

23 Novembre 2018

Ha appena pubblicato il suo primo singolo, “Non è vero”, ed è già in tour per dare un’anticipazione del suo primo album, in uscita a gennaio 2019: lei è Roberta De Gaetano e suonerà alla Fabbrica 102, sabato  24 novembre a partire dalle 23.

Sul palco con la cantante e musicista siciliana ci saranno i “suoi” musicisti tra cui Toti Poeta (cantautore e produttore) che farà da “guest”.

Cantante e musicista, la ventinovenne siciliana Roberta De Gaetano, inizia a suonare nel 2014. Si diploma al C.E.T. Centro Europeo del Tuscolano (la scuola di Mogol) prima come interprete e successivamente come autrice di testi.

Lo scorso anno è entrata nella rosa dei finalisti del concorso Areasanremo, mentre nel 2018 è stata tra i finalisti del Premio Bindi. A fine ottobre si è esibita tra i finalisti del prestigioso Premio Bianca D’Aponte.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.