Musica: tappa a Palermo per Uto Ughi in concerto con l'Orchestra Sinfonica Siciliana :ilSicilia.it
Palermo

Unica data il 20 dicembre

Musica: tappa a Palermo per Uto Ughi in concerto con l’Orchestra Sinfonica Siciliana

di
18 Dicembre 2018

Il grande maestro del violino, Uto Ughi torna ad esibirsi a Palermo, il 20 dicembre alle 21 al Teatro Politeama Garibaldi con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, tappa conclusiva del progetto artistico-culturale “Energia in musica per l’Italia“, promosso dal Gruppo Terna.

Politeama Amici della Musica

Dopo Lucca, Padova e Napoli il capoluogo siciliano chiuderà il cerchio di promozione e diffusione della musica classica; a dirigere l’ensemble sarà il Maestro Salvatore Percacciolo, neo direttore dell’Orchestra Giovanile Siciliana.

Uto Ughi eseguirà un programma che comprende musiche di Antonio Vivaldi, W.Amadeus Mozart, Camila de Saint-Saens, Georges Bizet.

Siamo orgogliosi di ospitare il concerto conclusivo del progetto avviato con il maestro Uto Ughi. L’Orchestra Sinfonica Siciliana – dice il sovrintendente Giorgio Pace vanta un rapporto ultra decennale con il maestro Ughi, caratterizzato da numerosi concerti, l’ultimo dei quali
si è tenuto lo scorso anno con la nostra Orchestra al Teatro antico di Taormina”.

La promozione della “cultura”, sostenuta da partner privati, è un trend in sviluppo nel territorio nazionale e in particolare in Sicilia, “considerata uno degli elementi a supporto dell’approccio sostenibile della società”.

Ughi violino

L’iniziativa – ha dichiarato il maestro Ughi – rappresenta dal mio punto di vista un esempio virtuoso di contribuzione positiva alla diffusione della cultura e alla crescita sociale del Paese, attraverso una sinergia tra due mondi apparentemente lontani“.

Ughi suonerà con un violino Guarneri del Gesù del 1744, che possiede un suono caldo dal timbro scuro ed è forse uno dei più bei “Guarneri” esistenti, e con uno Stradivari del 1701 denominato
Kreutzer” perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Il violinista simbolo dell’Italia, erede della tradizione che ha visto nascere e fiorire le prime grandi scuole violinistiche, ha eseguito gli studi sotto la guida di George Enescu, già maestro di Yehudi Menuhin.

Numerosissime le tournèes europee che lo hanno visto protagonista nelle più importanti capitali europee e nei principali Festivals con le più rinomate orchestre sinfoniche sotto la direzione di maestri quali: Barbirolli, Bychkov, Celibidache, Cluytens, Chung, Ceccato, Colon, Davis, Fruhbeck de Burgos, Gatti, Gergiev, Giulini, Kondrascin, Jansons, Leitner, Lu Jia, Inbal, Maazel, Masur, Mehta, Nagano, Penderecki, Pretre, Rostropovich, Sanderlin, Sargent, Sawallisch, Sinopoli, Slatkin, Spivakov, Temirkanov.

Nel 2015, infine, l’Università di Palermo gli ha conferito la laurea magistrale ad honorem in “Scienze pedagogiche”.

Ulteriori informazioni su costi e disponibilità dei biglietti sul sito dell’Orchestra.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.