Musica: tappa a Palermo per Uto Ughi in concerto con l'Orchestra Sinfonica Siciliana :ilSicilia.it
Palermo

Unica data il 20 dicembre

Musica: tappa a Palermo per Uto Ughi in concerto con l’Orchestra Sinfonica Siciliana

di
18 Dicembre 2018

Il grande maestro del violino, Uto Ughi torna ad esibirsi a Palermo, il 20 dicembre alle 21 al Teatro Politeama Garibaldi con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, tappa conclusiva del progetto artistico-culturale “Energia in musica per l’Italia“, promosso dal Gruppo Terna.

Politeama Amici della Musica

Dopo Lucca, Padova e Napoli il capoluogo siciliano chiuderà il cerchio di promozione e diffusione della musica classica; a dirigere l’ensemble sarà il Maestro Salvatore Percacciolo, neo direttore dell’Orchestra Giovanile Siciliana.

Uto Ughi eseguirà un programma che comprende musiche di Antonio Vivaldi, W.Amadeus Mozart, Camila de Saint-Saens, Georges Bizet.

Siamo orgogliosi di ospitare il concerto conclusivo del progetto avviato con il maestro Uto Ughi. L’Orchestra Sinfonica Siciliana – dice il sovrintendente Giorgio Pace vanta un rapporto ultra decennale con il maestro Ughi, caratterizzato da numerosi concerti, l’ultimo dei quali
si è tenuto lo scorso anno con la nostra Orchestra al Teatro antico di Taormina”.

La promozione della “cultura”, sostenuta da partner privati, è un trend in sviluppo nel territorio nazionale e in particolare in Sicilia, “considerata uno degli elementi a supporto dell’approccio sostenibile della società”.

Ughi violino

L’iniziativa – ha dichiarato il maestro Ughi – rappresenta dal mio punto di vista un esempio virtuoso di contribuzione positiva alla diffusione della cultura e alla crescita sociale del Paese, attraverso una sinergia tra due mondi apparentemente lontani“.

Ughi suonerà con un violino Guarneri del Gesù del 1744, che possiede un suono caldo dal timbro scuro ed è forse uno dei più bei “Guarneri” esistenti, e con uno Stradivari del 1701 denominato
Kreutzer” perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Il violinista simbolo dell’Italia, erede della tradizione che ha visto nascere e fiorire le prime grandi scuole violinistiche, ha eseguito gli studi sotto la guida di George Enescu, già maestro di Yehudi Menuhin.

Numerosissime le tournèes europee che lo hanno visto protagonista nelle più importanti capitali europee e nei principali Festivals con le più rinomate orchestre sinfoniche sotto la direzione di maestri quali: Barbirolli, Bychkov, Celibidache, Cluytens, Chung, Ceccato, Colon, Davis, Fruhbeck de Burgos, Gatti, Gergiev, Giulini, Kondrascin, Jansons, Leitner, Lu Jia, Inbal, Maazel, Masur, Mehta, Nagano, Penderecki, Pretre, Rostropovich, Sanderlin, Sargent, Sawallisch, Sinopoli, Slatkin, Spivakov, Temirkanov.

Nel 2015, infine, l’Università di Palermo gli ha conferito la laurea magistrale ad honorem in “Scienze pedagogiche”.

Ulteriori informazioni su costi e disponibilità dei biglietti sul sito dell’Orchestra.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin