"Musiche senza confini", il violino di Bajardi ai Cantieri Culturali della Zisa :ilSicilia.it
Palermo

l'appuntamento il 3 maggio

“Musiche senza confini”, il violino di Bajardi ai Cantieri Culturali della Zisa

di
30 Aprile 2019

Il violinista Mario Bajardi propone nell’ambito della rassegna Musiche senza confini, ideata dall’associazione culturale Formedonda, il suo progetto incentrato sul portare il fruitore ad essere prima ascoltatore e poi spettatore delle immagini sonore che fuoriescono dal suo strumento e dalle sue performance. E’ questa la riflessione alla quale vuole condurre il progetto musicale che non a caso prende il nome di “Vedere la musica”. L’appuntamento è per venerdì 3 maggio alle ore 21.30, allo spazio Cre.zi.Plus dei Cantieri Culturali della Zisa di Palermo (via Paolo Gili n° 4, 90138 – Padiglioni 10 e 11 ).

“La gente è troppo abituata non più ad ascoltare la musica ma a guardarla, in rete semplicemente cliccando un link che riporta ad un video su youtube – spiega Bajardi il mio obiettivo, invece, è quello di condurre l’ascoltatore ad un risveglio da un sonno perenne che porta l’uomo, per abitudine, spesso a vedere e solo in seguito sentire”.

Il musicista si esibirà con un impianto hi end in quadrifonia per stimolare la massima immaginazione, accompagnato dalle coreografie della ballerina Ambra Maniscalco.

“Vedere la musica” racchiude brani inediti, alcuni dei quali tratti dall’ultimo disco del musicista “Schengen” ( uscito nel 2016 per l’etichetta Onde), un disco che esprime il concetto della migrazione, ma non vista solo dal punto di vista dei migranti che attraversano le coste del mediterraneo “ E’ un disco che parla di una migrazione che riguarda tutti noi – sottolinea Mario Bajardi  tutti noi siamo migranti, perché lo diventiamo nel momento in cui passiamo da un pensiero ad un altro, nel momento in cui ci spostiamo da un luogo ad un altro. E’ una riflessione su una migrazione, quindi, che riguarda tutti quanti”.

Mario Bajardi è ideatore del progetto Insideout al Teatro Massimo di Palermo, alcune sue musiche sono state presentate alla Biennale di Venezia nel 2017. Ha collaborato con registi fra cui Roberta Torre, Salvo Cuccia, Giuseppe Carleo, Giuseppe Gigliorosso, Sergio Cannella, Sigfrido Giammona, Ruben Monterosso e Federico Savonitto, Alessandro Ferrara, Moscò, RosaMundi, insieme a qualche esperienza oltreoceano tra New York per “An Internet World”, Carlo Fiorletta/ Mara Lesemann e Los Angeles “Sweetheart”, M.A. Pate, assistente di Quentin Tarantino.

Nel 2001 è stato finalista dell’International Competition of Electronic Music Pierre Shaeffer. Unico vincitore italiano con “BJM Violin Studio 7” all’ICMC 2002 di Goteborg. Nel 2006 è stato scelto per il disco “Electroacoustic Music from Sicily” prodotto dalla EMF di New York, mentre nel biennio successivo ha creato la comunità di artisti “Insemina” e l’omonimo programma tv. Le sue note hanno fatto da sfondo a numerosi eventi nel corso degli anni, tra i quali il festival internazionale Musica d’Alta Quota, il Palermo Film Festival e il Festino di Santa Rosalia.

L’ingresso è con consumazione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.