Musumeci alla commissione Antimafia dell'Ars: "Sistema Montante? Era più un sistema Lumia" :ilSicilia.it

L'audizione del governatore

Musumeci alla commissione Antimafia: “Sistema Montante? Era Lumia il dominus”. Saranno ascoltati Cicero e Marino

di
29 Novembre 2018

Più che un ‘sistema Montante‘ c’era in Sicilia un vero e proprio ‘sistema Lumia‘”. Il presidente della Regione Nello Musumeci in audizione alla commissione regionale Antimafia, fornisce la versione della sua percezione sulla vicenda.

Per il governatore sarebbe stato l’ex parlamentare Beppe Lumia il dominus, quello che distribuiva le carte, non l’imprenditore di Serradifalco. Quest’ultimo sarebbe stato soltanto il rappresentante di alcuni interessi privati. Musumeci, inoltre, avrebbe anche precisato di non potere escludere che esistano ancora dei lasciti di qual sistema di cui si è parlato oggi in Commissione. Il Governatore siciliano Musumeci avrebbe parlato per quasi due ore della situazione regionale quando lui era all’opposizione e ricopriva il ruolo che oggi riveste Claudio Fava.

Avremmo voluto ascoltare tutti i governatori del passato – dice il presidente della commissione Antimafia Claudio FavaAbbiamo ascoltato Lombardo ed avremmo voluto ascoltare anche Crocetta, che però ha declinato l’invito”. Secondo quanto riferito dallo staff di Fava, l’audizione con di Musumeci avrebbe anche spaziato sulla posizione dell’ex governatore Rosario Crocetta, che viene fuori come esecutore di decisioni e strategie scelte da altri. Musumeci ci ha tracciato un percorso come deputato dell’opposizione prima e presidente della Regione, parlando con assoluta franchezza di un ‘sistema Lumia’, ovvero una forte paternità politica nella creazione di questo cerchio magico e della governance parallela alla quale partecipavano, secondo ciò che ci ha ricostruito Musumeci e confermato anche da diverse altre audizioni, diversi ‘pezzi’, istituzionali e non, che si sono raccolti attorno a Montante“. E a proposito di Crocetta, l’attuale governatore avrebbe detto in commissione Antimafia che la sua impressione era che quest’ultimo fosse soltanto un mero esecutore di decisioni prese altrove.

Dopo quella che ha visto protagonista Musumeci, restano da svolgere le ultime audizioni in Commissione Antimafia, alcune delle quali vedranno protagonisti l’ex assessore Nicolò Marino e uno dei grandi accusatori di Montante, Alfonso Cicero, ex presidente dell’Irsap. A quel punto si verificherà la necessità di altre audizioni ‘di contorno’ per poi, nelle prossime settimane avere pronta la relazione. E tra i capitoli di quest’ultima ce ne sarebbe uno dedicato ai rapporti intrattenuti da Montante con i giornalisti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin