19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48

Prevista la riserva per gli ex

Musumeci annuncia la ricostituzione dell’Ufficio stampa, bando al vaglio dell’Aran

7 Dicembre 2018

Verrà pubblicato a breve il bando per la selezione dei giornalisti che andranno a ricostituire l’Ufficio stampa della Presidenza della Regione Siciliana. Lo ha annunciato il governatore Nello Musumeci nel corso della conferenza stampa di oggi con la quale ha fatto il punto sul primo anno di attività del suo governo.

La struttura era stata di fatto abolita dall’ex governatore Rosario Crocetta, che ne aveva fatto un suo cavallo di battaglia contro il clientelismo e lo spreco di denaro pubblico. Quell’ufficio stampa era costituito da 21 giornalisti, quasi tutti assunti per chiamata diretta durante l’era Cuffaro, quindi senza concorso pubblico, e con la qualifica di capo redattore, pur non avendo una redazione da dirigere. Di questi un gruppo lavorava al servizio del presidente, altri erano distaccati presso gli assessorati regionali, uno nella sede di rappresentanza di Roma e uno in quella di Bruxelles.

Allora il licenziamento suscitò molte polemiche e duri scontri tra l’allora governatore, da un lato, l’Ordine dei giornalisti e l’Assostampa Sicilia, il sindacato dei giornalisti siciliani, dall’altro.

Oggi il clima è decisamente cambiato. Già in campagna elettorale Musumeci aveva manifestato la sua volontà di voler dotare la Presidenza di un ufficio di professionisti dell’informazione che si occupasse della comunicazione istituzionale dell’ente. Subito dopo il suo insediamento aveva dichiarato di stare lavorando a tal proposito. Nelle more si è avvalso di un portavoce, figura di nomina politica prevista dalla legge.

Adesso il bando è pronto e al vaglio dell’Aran, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. Il testo prevede una riserva di posti per i giornalisti che avevano ricoperto questo ruolo a Palazzo d’Orleans.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.